apri modal-popupadv apri modal-popupadv

02 ottobre 2018

Ottobre, mese della prevenzione oncologica al femminile

Fiocchetti rosa, informazioni, sensibilizzazione. Torna, puntuale come ogni anno nel mese di ottobre, la Campagna Nastro Rosa promossa dalla Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori-LILT Milano, per sottolineare l'importanza della prevenzione e della diagnosi precoce del tumore al seno

Ottobre, mese della prevenzione oncologica al femminile

Sottoporsi a una visita di controllo gratuita, presso una delle sedi LILT presenti su tutto il territorio nazionale, è un’opportunità importante per tutte le donne per prendersi cura della propria salute.

Visite senologiche gratuite in tutta Italia

Sono più di 50mila i nuovi casi di tumore al seno in un anno. Secondo i dati del rapporto Aiom/Airtum relativi al 2017, ad ammalarsi è una donna su otto. Ecco perché è tanto importante la prevenzione, indispensabile per individuare tempestivamente l’insorgenza di questa patologia. Questo l’obiettivo della Campagna Nastro Rosa che giunge quest’anno alla 26esima edizione: per tutto il mese di ottobre sarà possibile (fino a esaurimento posti) sottoporsi a una visita senologica gratuita presso le sedi della LILT dal nord al sud Italia.

“Grazie alla diagnosi precoce oggi il 90% delle donne colpite da tumore al seno risultano guarite  dopo cinque anni”,  sottolinea Ilaria Malvezzi, direttrice generale LILT Milano. Il traguardo della campagna è quello di aumentare ulteriormente questa percentuale, promuovendo nella popolazione la cultura della prevenzione. “Per sottoporsi al controllo gratuito è necessario contattare telefonicamente la sede LILT più vicina e prenotare una visita”, spiega la direttrice.

Il primo passo è la prevenzione primaria

La diagnosi precoce è fondamentale, ma c’è un altro passo che viene ancora prima ed è importante per la nostra salute: la prevenzione primaria. “Mangiare sano, non fumare, praticare regolarmente attività fisica… Uno stile di vita corretto è il primo passo per ridurre il rischio di ammalarsi di tumore”, spiega Ilaria Malvezzi. “È stato calcolato che se la popolazione seguisse queste indicazioni si avrebbe una riduzione del 40% dei tumori. In pratica, curando la propria alimentazione – ad esempio, mangiando frutta e verdura, riducendo il consumo di alcolici e insaccati -, facendo movimento, dicendo addio alle sigarette, si eliminano quei fattori di rischio che sono associati all’insorgenza di patologie oncologiche, ma anche cardiovascolari. Il fumo è la causa dell’80% dei tumori al polmone e alle vie aeree”.

Controlli periodici, un appuntamento da rispettare

Se nonostante le accortezze seguite per mantenersi in salute, dovesse  insorgere una malattia, a fare la differenza può essere la diagnosi precoce. “Se si effettuano regolarmente i controlli raccomandati in base all’età, un’eventuale patologia viene individuata tempestivamente e questo permette di intervenire precocemente per risolvere la situazione” sottolinea Ilaria Malvezzi. “L’indicazione per le donne è quella di sottoporsi a una visita senologica annuale a partire dai 25 anni. Dopo i 40 anni si procede con una mammografia, ed eventualmente un controllo ecografico, all’anno. Molto importante è anche sottoporsi al pap-test con regolarità. Alcune aziende sanitarie inviano una lettera a tutte le donne residenti nel loro territorio per invitarle ad eseguire questi controlli, dove questo non avviene occorre segnare in agenda questi appuntamenti dedicati alla propria salute”.

Un buon esempio in famiglia

“Prendersi cura della propria salute è importante per tutti, ma diventa ancor più doveroso per una mamma che deve occuparsi dei propri bambini e deve esserci per loro” considera l’esperta. “Inoltre, sottoporsi a controlli regolarmente è un esempio prezioso per i propri figli. Se una bambina cresce vedendo che la mamma si sottopone a visite senologiche annuali, molto probabilmente farà propria questa abitudine e una volta cresciuta troverà normale occuparsi della prevenzione”.

A Milano la prevenzione scende in piazza

Nel capoluogo lombardo, la prevenzione scende in piazza. Le visite senologiche gratuite si svolgeranno negli Spazi Prevenzione LILT di Milano, Cernusco sul Naviglio, Monza, Novate Milanese e Sesto San Giovanni, ma anche sull’Unità Mobile che sarà presente, dal 13 al 21 ottobre, in diversi Comuni dell’hinterland milanese. “Un grande camper, lungo 18 metri, farà tappa nelle piazze” spiega Ilaria Malvezzi. “Tutte le donne potranno fermarsi e sottoporsi alla visita”. Per conoscere le iniziative della LILT di Milano, con relative date, il calendario completo è consultabile sul sito www.legatumori.mi.it.

Fino alla fine di ottobre in tutte le sedi della LILT italiane sarà possibile (previa prenotazione) sottoporsi a visite senologiche gratuite. Per scoprire dove si trova l’ambulatorio più vicino, il riferimento è il sito www.lilt.it dove è possibile trovare un elenco completo di tutte le regioni.

 

di Giorgia Cozza

Commenti