Vaccino spray contro l’influenza: perché non è disponibile in Italia?

29 novembre 2019

Vaccino spray contro l’influenza: perché non è disponibile in Italia?

È molto diffuso in altri Paesi per la sua facilità di somministrazione, soprattutto ai bambini, ma da noi non è in vendita. Quali sono i vantaggi e i possibili rischi di questo prodotto?

Vaccino spray contro l’influenza: perché non è disponibile in Italia?

Da anni è autorizzato al commercio in Italia un vaccino antinfluenzale che non si somministra con la classica iniezione intramuscolare, ma spruzzandolo per via intranasale. È indicato per l’uso nei bambini e negli adulti di età compresa tra 2 e 59 anni. La sua composizione varia ogni anno, in accordo con le previsioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sui ceppi del virus influenzale in arrivo. Il vaccino spray è diffuso negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, in Germania e in altri Paesi Europei. Viene somministrato soprattutto ai bambini, che lo preferiscono – per ovvie ragioni – alla formulazione iniettabile. Nel nostro Paese, il vaccino spray non è reperibile. Non lo è mai stato. Per quali ragioni? C’è modo per le famiglie italiane di procurarlo per vaccinare i propri bimbi?

Contiene virus vivi attenuati

La circolare del Ministero della Salute che ogni anno raccomanda le misure utili per proteggersi dall’epidemia stagionale di influenza include il “vaccino somministrato con spray intranasale, autorizzato ma attualmente non disponibile in Italia” e lo descrive come “vivo attenuato”. A differenza degli altri vaccini anti-influenzali, che contengono virus inattivati, cioè morti, incapaci di replicarsi, questo prodotto è a base di virus vivi, trattati in modo da non causare influenza. Sono in grado di replicarsi solo nella mucosa nasale, senza spingersi oltre nelle vie respiratorie. Stimolano la reazione del sistema immunitario senza causare l’influenza.

La formulazione del vaccino antinfluenzale prodotta per la stagione 2019-2020 è quadrivalente, cioè contiene virus che appartengono ai quattro ceppi che si prevede avranno maggiore diffusione quest’anno.

Trattandosi di prodotto a base di virus vivi, l’utilizzo del vaccino spray è controindicato alle persone che soffrono di deficienza immunitaria congenita o acquisita e in gravidanza, al contrario del vaccino antinfluenzale inattivato, che è invece raccomandato alle mamme in attesa. Questo perché in condizioni di ridotte difese immunitarie i virus, benché attenuati, potrebbero teoricamente provocare l’infezione.

VaccinazioniNonni e familiari in prima linea

Uno spruzzo per ogni narice

Il vaccino è venduto all’interno di un erogatore spray predosato e si somministra con due rapidi spruzzi, uno per ogni narice, respirando normalmente. Per acquistarlo è necessaria la prescrizione, va conservato in frigorifero e somministrato sotto la supervisione di personale medico o infermieristico.

I bambini che hanno meno di 9 anni e che in precedenza non sono mai stati immunizzati contro l’influenza devono ricevere due dosi di vaccino a distanza di 4 settimane una dall’altra. Una singola dose è sufficiente invece sopra i 9 anni e per i più piccoli che sono stati vaccinati negli anni passati.

L’efficacia e gli effetti indesiderati

“I vaccini a virus vivi attenuati stimolano una risposta immunitaria più vigorosa di quelli a virus inattivati, quindi teoricamente l’efficacia di questo prodotto dovrebbe essere maggiore rispetto a quella dei vaccini antinfluenzali iniettabili”, spiega Antonio Clavenna, farmacologo dell’Istituto Mario Negri di Milano. “Tuttavia, i dati pubblicati nel corso degli anni evidenziano risultati altalenanti: in alcune stagioni l’efficacia è stata superiore a quella degli altri vaccini, in altre inferiore”.

Il maggior vantaggio del vaccino spray è senza dubbio la via di somministrazione. “Più accettata dai bambini e di facile utilizzo, tanto che in Gran Bretagna e negli Stati Uniti il vaccino spray è stato impiegato nelle campagne di immunizzazione nelle scuole”, dice Clavenna. “Di contro, c’è lo svantaggio degli effetti indesiderati più comuni di questo prodotto: congestione nasale, malessere generale e mal di testa, cioè sintomi blandi di influenza. Il vaccino iniettabile, invece, provoca comunemente un rialzo febbrile, ma non gli altri disturbi. Va detto, poi, che la persona vaccinata con un vaccino a virus vivi dovrebbe tenersi a distanza da neonati e individui con ridotte difese immunitarie per 7-10 giorni, perché esiste il rischio teorico che possa trasmettere l’infezione”.

Perché il vaccino spray non è in vendita in Italia?

Pur essendo autorizzato al commercio in tutta Europa e dunque anche nel nostro Paese, come confermano la documentazione dell’Aifa e la circolare annuale del Ministero della Salute, il vaccino spray non si trova nelle farmacie italiane. Come mai?

“Il prodotto, venduto in altri Paesi con il nome commerciale Fluenz Tetra, non è mai stato introdotto nel mercato italiano per una scelta commerciale”, spiega la portavoce dell’azienda produttrice, la AstraZeneca. “L’azienda sta valutando l’opportunità di farlo in futuro. Chi fosse interessato ad acquistarlo dall’Italia, può ordinarlo, con la prescrizione del medico, attraverso una farmacia internazionale che offra questo servizio, pagandolo privatamente”.

Alcuni farmaci in vendita in altri Paesi ma non in Italia possono essere importati a carico del Servizio Sanitario Nazionale, attraverso la propria ASL. “Ma si ricorre a questa procedura solo in casi di comprovata necessità”, osserva Antonio Clavenna. “Poiché in Italia abbiamo a disposizione efficaci vaccini anti-influenzali, credo che nessuna ASL autorizzerebbe l’acquisto del vaccino spray dall’estero”.

Da evitare assolutamente l’acquisto online da fonti di dubbia provenienza. “È una pratica pericolosissima, per qualunque medicinale”, avverte il farmacologo. “Nel migliore dei casi si rischia di acquistare un prodotto inefficace, che non è stato conservato o trasportato in condizioni adeguate. Nel peggiore dei casi, potrebbe trattarsi di un farmaco contraffatto, tossico e dannoso per la salute”.

 

di Maria Cristina Valsecchi

Commenti