Un SMS per aiutare i piccoli in ospedale o con disabilità | Io e il mio bambino
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

05 aprile 2019

Un SMS per aiutare i piccoli in ospedale o con disabilità

Sono partite in questi giorni due campagne solidali per sostenere due progetti destinati a favorire il benessere dei bimbi in situazioni critiche e delle loro famiglie

Un SMS per aiutare i piccoli in ospedale o con disabilità

“LA MAGIA DI UN SORRISO” per i bimbi ricoverati

C’è tempo fino a mercoledì 17 aprile, per inviare un SMS e partecipare così alla campagna “La Magia di un sorriso” a sostegno delle attività di Fondazione Dottor Sorriso Onlus, da oltre 20 anni al fianco dei bambini ricoverati in ospedale e delle loro famiglie. Grazie alla clownterapia, si regalano attimi di spensieratezza ai piccoli pazienti che stanno vivendo l’esperienza difficile di un ricovero ospedaliero, e ai loro genitori. “Attualmente i Dottor Sorriso, operatori professionisti con una formazione specifica, sono presenti in 16 ospedali e 4 istituti per disabilità fisiche e intellettive distribuiti in dodici province italiane e svolgono circa seimila ore di clownterapia ogni anno, aiutando una media di 35mila bambini e sostenendo 105mila familiari di piccoli pazienti ricoverati”, spiega Fabio Garavaglia, presidente della Fondazione Dottor Sorriso Onlus. “Il nostro obiettivo è quello di aumentare le ore di intervento dei nostri Dottor Sorriso e il numero di reparti e ospedali in cui sono attivi”. I Dottor Sorriso coinvolgono i bambini in varie attività all’interno del reparto, ma sono al loro fianco anche nei momenti delicati che precedono un intervento chirurgico, accompagnandoli in sala operatoria e assistendoli al risveglio dopo l’anestesia.

Con le risate si guarisce più in fretta

La presenza dei Dottor Sorriso ha effetti benefici per il benessere psicofisico del bambino ricoverato, e offre sollievo anche ai genitori dei piccoli ricoverati. “La clownterapia non è, come si potrebbe pensare, una semplice attività di gioco o intrattenimento”, sottolinea Cristina Bianchi, direttore della Fondazione, “ma una vera e propria attività professionale che integra le cure tradizionali, contribuendo a ricostruire, attraverso il sorriso, le difese del bambino di fronte al trauma del ricovero in ospedale. Ridere contribuisce, infatti, a migliorare lo stato psicologico del paziente, influendo in modo determinante sulla possibilità di affrontare la malattia e, in alcuni casi, sull’efficacia delle cure. È scientificamente provato che ridere determina una riduzione della somministrazione di analgesici e dei tempi di miglioramento clinico e di degenza, e un aumento delle difese immunitarie e del livello delle endorfine, con conseguente innalzamento della soglia del dolore nel paziente. Gli effetti positivi della clownterapia sulla cura del bambino sono insomma pienamente riconosciuti per la loro valenza terapeutica”.

Un sms per portare più sorrisi in corsia

La Fondazione Dottor Sorriso ha lanciato la campagna solidale “La Magia di un sorriso” per potenziare il servizio di clownterapia e raggiungere un numero crescente di reparti e ambulatori pediatrici, regalando serenità a bambini e genitori. Chiamando il numero solidale 45596 è possibile donare 2 euro per ogni SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce e Tiscali. La donazione è di 5 euro per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze e PosteMobile; e di 5 o 10 euro chiamando da rete fissa Tim, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali.

 

“INTORNO A ME”, un centro per le famiglie

Fino a sabato 13 aprile sarà possibile partecipare alla campagna solidale per la realizzazione del nuovo centro di Fondazione Ariel a Milano, dedicato alle famiglie di bambini affetti da disabilità neuromotorie. Fondazione Ariel, da più di 15 anni è al fianco delle famiglie con bambini affetti da paralisi cerebrale infantile, una patologia neuromotoria che impedisce progressivamente i movimenti più elementari, per offrire quei servizi che sono necessari per migliorare la qualità di vita del bambino e di tutta la sua famiglia. Il progetto “Intorno a me” prevede la creazione di un’équipe multidisciplinare composta da diverse figure professionali – uno psicologo, un avvocato, un assistente sociale e un infermiere -, che saranno a disposizione delle mamme e dei papà per fornire loro consulenza e sostegno, in modo continuativo e gratuito.

Prendersi cura di mamma e papà

Il nuovo progetto risponde a un bisogno di assistenza e supporto manifestato da diverse famiglie. “Fin dalla sua nascita Ariel ha allargato l’orizzonte del sostegno a tutto il nucleo familiare, adottando un approccio ‘family center care’, nella consapevolezza che il benessere del bambino è connesso a quello del proprio sistema di riferimento, cioè la sua famiglia, nella propria unicità”, commenta Nicola Portinaro, ortopedico e direttore scientifico di Fondazione Ariel. “Da qui l’esigenza di una maggiore personalizzazione delle risposte e di un’offerta più articolata di servizi di counseling e sostegno nel tempo. Perché i genitori, non abbandonati a loro stessi, possano affrontare con serenità ed energia le complessità della disabilità, aiutando il loro bimbo a sviluppare abilità e potenzialità preziose per la sua crescita e il suo futuro”.

Un sostegno ancora più importante

Dalla sua nascita ad oggi, Fondazione Ariel ha risposto a 2800 richieste di aiuto delle famiglie, tramite il suo servizio di counseling gratuito, telefonico e online. E per sostenere l’intero nucleo familiare ha organizzato attività di animazione per i bambini e momenti formativi e gruppi di sostegno per mamme, papà, fratelli e nonni. Con la realizzazione del progetto “Intorno a me”, potrà offrire un supporto ancora più puntuale, che risponde al meglio alle esigenze dei genitori che stanno vivendo l’esperienza difficile della disabilità di un figlio.

Obiettivo: aiuto per 150 famiglie

I fondi che verranno raccolti nel corso di questa settimana grazie alle donazioni effettuate tramite SMS o telefonata, serviranno per realizzare il centro, con sede a Milano, “Intorno a me” e per raggiungere l’obiettivo di accogliere 150 famiglie nel primo anno di attività. Inviando un SMS al numero solidale 45590 si potranno donare 2 euro da cellulare personale Wind Tre, TIM Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali. Il valore della donazione sarà di 2 o 5 euro per le chiamate da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb e Tiscali; sarà di 5 euro per ogni chiamata da rete fissa TWT, Convergenze e PosteMobile.

Per saperne di più

A proposito della campagna “La Magia di un sorriso” e dei progetti portati avanti dalla Fondazione Dottor Sorriso consultare il sito.
Per ulteriori informazioni sull’attività di Fondazione Ariel è possibile visitare il sito  o chiamare il numero verde 800.133431.

 

di Giorgia Cozza

Commenti