Spiagge e storia antica: le sorprese di Castiglione della Pescaia

04 ottobre 2019

Spiagge, storia antica e animali rari: le sorprese di Castiglione della Pescaia

Spiagge, storia antica e animali rari: le sorprese di Castiglione della Pescaia

Nel cuore della Toscana c’è un luogo dove mare e storia si abbracciano. Nel viaggio di Quimamme alla scoperta di una regione che ha tanto da offrire oltre alle città d’arte, siamo andati a visitarlo per voi. Si tratta di Castiglione della Pescaia,  che sorge nella parte settentrionale della Maremma. Un antico borgo di pescatori, con le case dell’abitato che si incontrano con il mare lungo un porto-canale suggestivo, dove ogni sera attraccano i pescherecci col loro carico, cercando uno spazio tra barche a vela e motoscafi.

Un’oasi naturale di rara bellezza

La cittadina ha un occhio di riguardo per le famiglie ed è organizzata di tutto punto per rendere felici i turisti che la raggiungono. E arrivano numerosi nei mesi estivi, ma non solo. Perché oltre a mare e spiagge, la zona intorno a Castiglione della Pescaia ha tanto da offrire anche a livello di trekking. Il borgo infatti si trova all’interno di un’area verde in cui convivono diversi animali, soprattutto specie di uccelli rari. La destinazione ideale per lunghe passeggiate a piedi, a cavallo o in bicicletta, che si compiono su strade asfaltate o sentieri. Lungo il percorso aghi di pino, muschio, vegetazione bassa e zone umide fanno da cornice ma anche da elemento di attrazione. Dove un tempo sorgeva un lago, infatti, ora c’è la riserva naturale della Diaccia Botrona, spesso considerata la più significativa area umida d’Italia e riconosciuta come zona di importanza internazionale per l’ecosistema che ospita. Il luogo ideale da esplorare nei mesi di settembre e ottobre, quando il clima è ancora mite ma fare il bagno e stare in spiaggia non sono più gli obiettivi principali per i viaggiatori. Come accade nelle zone di Orbetello o nella laguna della Maremma, quest’area stupisce con i suoi paesaggi, la fauna e la flora (link parco di Orbetello e laguna della Maremma). Facendovi sentire lontano da casa, in una dimensione quasi magica.

castiglione-pescaia
Fonte: www.visittuscany.com

La costa regala tante sorprese

In estate invece Castiglione della Pescaia è il punto di partenza per andare a scoprire una costa ricca di sorprese. L’acqua del mare è trasparente e le spiagge di sabbia fine e bianca si sviluppano per chilometri fino a raggiungere la pineta. In zona ci sono centri balneari attrezzati per accontentare gli appassionati di sport nautici, oltre ad angoli tranquilli, dove stendersi al sole senza rumore, con un buon libro tra le mani. L’acqua è pulita tanto da essere stata premiata da Legambiente e così turchese come spesso si trova solo ai Tropici. Le spiagge da non perdere sono quella di Levante, la Spiaggia di Ponente e poi Punta Ala, con il suo turismo elegante e gli yacht. Scorci di paradiso da dove, nelle giornate limpide, si scorgono i profili di altri luoghi incantevoli, come l’isola d’Elba.

Archeologia e storia sono dietro l’angolo

Facendo base a Castiglione della Pescaia, poi, si ha anche l’occasione per esplorazioni diverse da quelle dedicate alla Natura. Meritano una visita località affascinanti come Vetulonia, una delle più importanti città etrusche. La necropoli e il Museo archeologico sono davvero uno spazio sorprendente per i bambini, che possono improvvisarsi novelli Indiana Jones e andare in giro alla ricerca di dettagli e segnali del passato. Da vedere anche Tirli, un borgo dove è facile capire com’era un tempo la vita nella Maremma e dove la cucina genuina ammalia. C’è infine l’antichissima località di Buriano, dove sorge un castello medioevale che offre una vista panoramica piuttosto unica sulla Maremma. Per ottenere tutti i dettagli e le notizie su alloggi e spostamenti, ma anche su orari di apertura, eventuali sconti e sistemi per saltare le code, vi consigliamo di consultare il sito www.visittuscany.com. Una guida alla scoperta di un luogo che si pensa di conoscere e invece ha ancora tanto da offrire.

Commenti