apri modal-popupadv apri modal-popupadv

29 settembre 2018

Una settimana per celebrare l’allattamento

Da lunedì 1° ottobre, per una settimana, l'allattamento è protagonista dal nord al sud Italia. Si celebra infatti la 27ª edizione della Settimana Mondiale dell'Allattamento (SAM) con convegni, tavole rotonde, corsi per gli operatori della salute e tante iniziative rivolte a futuri e neogenitori, per diffondere informazioni corrette e promuovere questa importante consuetudine di salute

Una settimana per celebrare l'allattamento

La Settimana Mondiale dell’Allattamento viene celebrata in più di cento Paesi, in alcune nazioni l’appuntamento è fissato all’inizio di agosto, in Italia e in diversi Stati europei la ricorrenza si festeggia nel mese di ottobre. La storia della SAM ha origini lontane, è infatti legata al convegno che si era tenuto a Firenze nel 1990, presso lo Spedale degli Innocenti, a cui avevano partecipato le principali organizzazioni che si occupano della salute dell’infanzia, come Unicef e Organizzazione Mondiale della Sanità. “In quell’occasione erano stati individuati una serie di obiettivi per sostenere, promuovere e proteggere l’allattamento, obiettivi che sono stati inseriti nella Dichiarazione degli Innocenti”, spiega Annalisa Paini, presidente del Movimento Allattamento Materno Italiano (MAMI). “L’anno seguente queste realtà si sono unite e hanno creato l’Alleanza mondiale per interventi a favore dell’allattamento (World Alliance for Breastfeeding Action, nota come WABA) e, per richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica, delle istituzioni e degli operatori della salute su quegli obiettivi, hanno pensato a una settimana mondiale dedicata all’allattamento. In Italia la SAM si celebra dal 1997, anno di fondazione del MAMI, che traduce i materiali informativi della WABA e mette in rete, coordinandole, le diverse realtà che si occupano di allattamento. Ogni anno dal nord al sud Italia vengono organizzati convegni, incontri pubblici, flash-mob, eventi formativi”.

Latte di mamma, base per la vita

Riflettere su quello che si potrebbe e dovrebbe fare per aiutare le neomamme a partire con il piede giusto e superare eventuali ostacoli iniziali è fondamentale per migliorare la situazione e far sì che ogni bambino possa ricevere quello che è il nutrimento giusto per lui, specie-specifico, perfetto per favorire una crescita sana ed equilibrata.

Il tema della SAM 2018, “Allattamento: base per la vita”, è particolarmente significativo e sottolinea l’importanza del latte materno per la salute di ogni bambino. Il tema di quest’anno invita a riflettere anche sulla lotta alla malnutrizione e alla povertà, e sottolinea i minori rischi di malattia e morte per i bambini allattati in situazioni di crisi e calamità naturali. Poiché l’allattamento migliora la salute e il benessere delle donne e dei bambini, è alla base dello sviluppo e del futuro di ogni Paese. Gli organizzatori della SAM lo hanno definito: “il grande livellatore che può aiutare a interrompere il circolo della povertà, la ricetta universale per pareggiare le condizioni di partenza di tutti e garantire a ciascuno un buon inizio”.

Nutrire al seno10 domande

Allattamento, un gesto da salvaguardare

“Celebrare la SAM serve a far lavorare insieme operatori sanitari, gruppi di mamme, enti locali, comunità”,  considera Annalisa Paini, “la cosiddetta ‘rete di sostegno’, il villaggio che serve per allevare un bambino, come recita il proverbio africano”. Ma come mai informazioni e sostegno sono tanto importanti per la buona riuscita dell’allattamento? Nutrire al seno non dovrebbe essere un gesto naturale? “Allattare è un atto fondante della nostra natura mammifera, ma rientra nella complessa sfera della cultura umana e quindi non risulta più scontato, immediato, istintivo”, spiega la presidente del MAMI. “Per questo dev’essere trasmesso e salvaguardato. E celebrato, come avveniva con i riti di passaggio delle antiche civiltà che sancivano culturalmente le diverse tappe della vita”.

Tutti gli eventi dal nord al sud Italia

Dall’1 al 7 ottobre si terranno conferenze, incontri per i genitori, momenti di condivisione, mostre fotografiche dedicati all’allattamento. Alcuni eventi, sempre legati alla SAM, si svolgeranno anche nei weekend successivi. Per conoscere gli appuntamenti più vicini il riferimento è il sito del MAMI dove è disponibile una mappa di tutte le iniziative previste nei prossimi giorni.

La SAM è anche su FB, grazie alla pagina in costante aggiornamento con l’elenco di tutte le manifestazioni.

Ecco qualche esempio.

A Castelfranco Veneto, “fasceggiata” per la città – Martedì 2 ottobre, a Castelfranco Veneto, mamme, papà e bambini scendono in piazza: il ritrovo, con le mamme per per l’allattamento e le consulenti del portare, è fissato alle 9 nella piazza di fronte al Duomo. Da lì si partirà per una “fasceggiata”, ovvero una passeggiata con i bimbi in fascia, per le vie del centro. Seguirà una dimostrazione di ballo con bebè in fascia e per concludere ci sarà un aperitivo per tutti. Nel corso della mattinata sarà inoltre attivo uno sportello allattamento per offrire informazioni a futuri e neogenitori.

A Milano, Flash mob in piazza – Sabato 6 ottobre, le mamme del capoluogo lombardo scendono in piazza con i loro bambini per allattare insieme. È giunto alla sesta edizione il flash mob organizzato in Piazza XXV Aprile, alle 11, per sensibilizzare la comunità a proposito dell’importanza dell’allattamento e promuovere questa pratica di salute. Nello stesso momento, le mamme si ritroveranno per allattare insieme nelle piazze principali di molte città italiane.

A Roma un convegno sull’alimentazione dei più piccini – Lunedì 8 ottobre, a Roma si terrà un convegno organizzato dall’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con Save the Children e Unicef, dedicato all’alimentazione dei bambini nei primi mille giorni di vita, con un riferimento particolare alla gestione dei bisogni dei più piccoli in occasione di emergenze umanitarie e catastrofi naturali.

A Manfredonia, quattro giorni di eventi La SAM di Manfredonia si prospetta decisamente ricca di eventi, a cominicare dall’8 ottobre con l’apertura della mostra fotografica “Tra le tue braccia”, allestitita presso le Ex Fabbriche di San Francesco. Martedì 9 e mercoledì 10, al mattino e al pomeriggio, si terranno degli incontri informativi per genitori condotti da vari esperti (pediatra, odontoiatra, logopedista, psicoterapeuta dell’età evolutiva, avvocato, neonatologo, ecc.) che approfondiranno diversi aspetti dell’allattamento e dei suoi effetti per la salute psicofisica del bebè. Giovedì, 11 ottobre, l’appuntamento è per le future mamme che desiderano partecipare a un laboratorio per dipingere il pancione, mentre un’ostetrica sarà a disposizione per rispondere a qualunque domanda legata all’allattamento. Venerdì 12, alle 18, l’attenzione si rivolge a un’importante scelta solidale: la donazione del latte, con l’incontro intitolato “Allattamento e donazione: l’esperienza della Banca del Latte di Casa Sollievo della Sofferenza”.

A Crotone, appuntamento ai Giardini di Pitagora – Sabato 6, presso i Giardini di Pitagora le famiglie con bambini potranno partecipare a tavole rotonde, laboratori, momenti di condivisione. E per i futuri e neogenitori ci saranno stand informativi e consulenze gratuite. Alle 10.30 è prevista la proiezione di un documentario, seguito da una tavola rotonda, intitolato: “L’allattamento nella storia e nelle tradizioni culturali”.

A Palermo, allattamento e sostenibilitàSabato 29 settembre, a Villa Niscemi, esperti e famiglie si confronteranno a proposito di allattamento e sostenibilità ambientale. A partire dalle 10.30 si terrà infatti un convegno in cui si parlerà dei benefici del latte materno, in termini di salute del bambino e della mamma, di risparmio e di impatto ambientale. Tra i temi trattati anche la scelta di utilizzare i pannolini lavabili, quale alternativa eco-compatibile agli usa e getta.

 

di Giorgia Cozza

 

 

Commenti