Prevenzione influenza: quali accorgimenti tenere?
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

30 novembre 2018

L’influenza è alle porte, qualche idea per cura e prevenzione

L’influenza è alle porte, qualche idea per cura e prevenzione

L’arrivo dell’influenza caratterizza il periodo dell’autunno e dell’inverno. Si comincia con pochi casi isolati, poi il fenomeno si diffonde e in un lampo le classi del nido e della materna finiscono decimate. Maggiore informazione, prevenzione e qualche accortezza in più sono le migliori armi in mano ai genitori per affrontare questo periodo. Scopriamone alcune.

Sintomi da tenere sott’occhio

Anzitutto è bene sapere che in genere l’influenza si manifesta dopo un’incubazione breve (da uno a tre giorni) cui seguono improvvisamente febbre, mal di testa, malessere generale e dolori alle ossa e ai muscoli. Successivamente sopraggiungono i sintomi di tipo respiratorio come tosse, congestione nasale o mal di gola. “Nei lattanti, in genere, la febbre non si manifesta ma si osservano vomito e diarrea e la sintomatologia si risolve usualmente nell’arco di cinque o sette giorni” – spiega la dottoressa Francesca Ippolita Calò Carducci, che collabora con l’ospedale Bambino Gesù di Roma. “La diagnosi certa è possibile grazie all’identificazione del virus con un tampone”. Spesso però non risulta nemmeno necessario procedere a questo genere di accertamento, perché il bambino si riprende normalmente nell’arco di qualche giorno.

Riposo, acqua e farmaci per riprendersi

La terapia ideale per i bambini è la stessa consigliata agli adulti: riposo, una buona idratazione e farmaci per il controllo della sintomatologia come gli antipiretici (ad esempio il paracetamolo) che tengono a bada la febbre, la cefalea e i dolori osteo-muscolari. Certo ci sono casi in cui i bambini possono correre il rischio di sviluppare forme più complicate di influenza, perché hanno dei precedenti o delle malattie particolari. In questo caso, il medico se lo riterrà opportuno potrà prescrivere una terapia antivirale, che deve essere iniziata precocemente (entro 24-48 ore dall’esordio dei sintomi) e sempre somministrata sotto controllo medico.

STOP AI GERMICome ?

Una buona prevenzione

Sotto il fronte della prevenzione, invece, sarebbe utile pensare alla vaccinazione, la cui assunzione va però considerata con il pediatra di base, valutando diversi aspetti, dalle abitudini di vita del piccolo alle sue condizioni di salute. In alternativa una buona prevenzione può derivare da alcune norme base di condotta come lavarsi spesso le mani, evitare il contatto diretto con persone già malate e seguire una dieta ricca di frutta e verdura. Questi comportamenti possono giovare alla salute e combattono il rischio del contagio. Risulta utile anche curare l’igiene di abiti, asciugamani e lenzuola, che potrebbero diventare veicolo di germi e batteri.

Per l’igienizzazione dei tessuti occorre utilizzare prodotti specifici come Napisan Additivo igienizzante liquido che rimuove germi e batteri già a 30°C, elimina gli odori e smacchia rispettando tessuti e colori. Napisan additivo igienizzante inoltre image_reckittbenckiser_napisan_8002910033729_000.jpgha anche una formula studiata per ridurre al minimo il rischio di allergie ed è dermatologicamente testato.

Sappiamo però che l’igiene passa non solo dai tessuti ma anche dalle Salviette Napisan Multisuperfici Igienizzanti - Senza Risciacquosuperfici, per questo è importante usare dei prodotti specifici per igienizzarle.

Le salviette per la casa igienizzanti Napisan sono una soluzione veloce ed efficace per rimuovere germi e batteri dalle superfici con cui il bambino viene a contatto come seggiolone, fasciatoio e giocattoli. Sono pratiche perché non occorre risciacquare, sono senza candeggina e non lascano odori. Le puoi portare ovunque per avere sempre l’igiene a portata di mano!

Commenti