Più benessere per i piedini. I trucchi per la scarpa adatta

27 novembre 2019

Più benessere per i piedini. I trucchi per la scarpa adatta

Quando si pensa alla salute del proprio figlio ci si preoccupa della sua alimentazione, del fatto che riposi a sufficienza e che non prenda freddo. Spesso però i piedi vengono lasciati in secondo piano. Un errore, dal momento che rivestono un’importanza straordinaria nel benessere complessivo di una persona. Vale per gli adulti e ancora di più per i piccoli: per questo i piedi non vanno sottovalutati ma protetti e curati.

Più benessere per i piedini. I trucchi per la scarpa adatta

Il periodo dello sviluppo è cruciale

A renderli tanto importanti sono le funzioni fondamentali che svolgono per il nostro corpo: servono da sostegno, sono responsabili del movimento e hanno la capacità di renderlo meno difficile perché riconoscono il terreno su cui ci spostiamo e vi si adattano. Ancora, aiutano a tenere una postura corretta.  Per tale ragione, quando un bambino è piccolo e in fase di crescita, l’attenzione deve essere massima, visto che per un corretto sviluppo è importante che le calzature rispettino la fisiologia del piede. Non devono stringere e limitare i movimenti, non devono essere troppo larghe o lunghe, perché in questo caso il rischio è che non sostengano e non svolgano la funzione fondamentale di consentire una camminata corretta. Ma come si sceglie una calzatura adatta? Primigi, azienda che da decenni è al fianco delle famiglie con scarpe e capi di abbigliamento di qualità oltre che molto belli, ha messo a fuoco tre elementi di cui tenere conto in questo senso. Potremmo anche dire che si tratta di tre trucchi da ricordare.

Il numero giusto è fondamentale

La prima regola è stabilire il numero di piede corretto. Non si tratta, infatti, di un’operazione banale, dal momento che una scarpa troppo corta ostacola il rapido sviluppo del piede del bambino. Se invece la scarpa è larga, magari “ereditata” da fratelli maggiori, al suo interno il piedino può scivolare in avanti, non appoggiando correttamente sul tallone, con il rischio di inciampare. Per riuscire a scoprire il numero giusto, si può scaricare il misurapiede Primigi e scoprire il magico numero da tenere a mente quando si va a fare shopping. Nei primi anni, inoltre, è importante controllare di frequente la lunghezza della scarpa, perché la crescita del piede è spesso rapida e non sempre costante. In linea di massima è consigliabile acquistare scarpine più lunghe di un centimetro rispetto al piede.

La sicurezza e il benessere sono prioritari

Le scarpe per bambini ormai sono bellissime. Così quando si va in negozio per fare acquisti, lo sguardo viene catturato da forme e colori. Invece la prima cosa di cui tenere conto non è l’aspetto estetico ma sono la sicurezza e il benessere dei piedi del piccolo, che variano a seconda dell’età.

scarpe-primigi-bambinaQuando si hanno bambini tra i 12 e i 14 mesi, che iniziano a conquistare la posizione eretta e a muovere dei passi, ad esempio, è giusto sostenerli con scarpine adatte. Devono essere alte alla caviglia per dare il giusto sostegno senza costringere e per evitare che si sfilino facilmente, ma anche delicatissime, perché sono a contatto con la pelle sensibile. Quanto alle suole, servono larghe e flessibili in punta e sostenute sul tallone. Tra i 15 mesi e i 5 anni, invece, quando i bambini sono pieni di energia e amano muoversi, l’esperienza Primigi suggerisce di scegliere tomaie morbide ma resistenti, suole flessibili ma che proteggano dalle asperità del terreno e chiusure pratiche e sicure.

Dai 6 anni in su, infine, quando comincia la vita “sociale”, anche l’aspetto estetico diventa rilevante.

Materiali, forme, suole: ogni momento ha la sua scarpa

L’ultimo elemento da considerare è che ogni momento richiede una scarpa particolare. Per i piccoli vanno preferiti i materiali naturali e morbidi, come pelle, cuoio o tessuto, anche se alcuni materiali innovativi, morbidi e traspiranti assolvono una funzione analoga. Visto che si muovono molto, poi, magari passando dal chiuso all’aperto, i bimbi spesso hanno una sudorazione importante, quindi la scarpa deve favorire la traspirazione.

In questo senso, poi, si deve fare attenzione anche alle scarpe da ginnastica, dal momento che non si possono indossare sempre, anche se i bambini lo vorrebbero. Meglio avere quelle da ginnastica per scarpe-primigi-bambinofare sport e poi delle scarpe in stile fitness che però sono da passeggio, visto che le caratteristiche sono diverse.

Infine, nel periodo invernale, nel guardaroba dei bambini conviene sempre tenere un paio di scarpe adatte a freddo e pioggia, come quelle impermeabili di PRIMIGI GORE-TEX® e un altro paio per gli ambienti chiusi, con suole flessibili e più leggere.