Piccoli compiti a misura di bimbo | Io e il mio bambino

Piccoli compiti a misura di bimbo

Piccoli compiti a misura di bimbo

42-31266556-Coinvolgere il bambino, sin da piccolo, nelle faccende domestiche, affidandogli semplici incarichi alla sua portata, è un modo per insegnargli, pian piano, l’importanza della collaborazione in famiglia.

Un gioco divertente

“Passare del tempo insieme ai propri genitori, svolgendo attività divertenti, è una grande gioia per il piccolo”, spiega la psicologa Alessandra Bortolotti. “Il bambino è felice quando viene coinvolto nelle occupazioni quotidiane di mamma e papà: la possibilità di collaborare con loro e rendersi utile è, per lui, un importante motivo di orgoglio“. Tra l’altro, incombenze che per noi adulti possono risultare un po’ noiose, come spolverare, apparecchiare e riordinare, rappresentano per il bimbo un gioco nuovo e divertente. Infine, coinvolgendo il piccolo nelle faccende domestiche, la mamma potrà portarle a termine senza doversi interrompere per controllare il bambino mentre gioca da solo. Ma quali sono i semplici incarichi che possono essere affidati a un bimbo? Ecco qualche esempio.

Apparecchiare la tavola

Dopo il secondo compleanno, il bambino si diverte a imitare i genitori, ripetendo i loro gesti. Durante la preparazione dei pasti, quindi, mamma e papà potranno mostrargli come apparecchiare la tavola: per il bimbo si tratta di un gioco che lo fa sentire ‘grande’, mentre per la mamma è un piccolo aiuto su cui contare. Ovviamente, l’incarico dovrà essere ‘calibrato’ in base all’età: un bimbo di 2 o 3 anni potrà portare in tavola i tovaglioli, le posate e il pane; dai 4-5 anni potrà cimentarsi anche con i bicchieri, purché li tenga con attenzione e li sistemi uno alla volta. Con la crescita, apparecchiare la tavola diventerà una consuetudine, che il bambino svolgerà ogni giorno per dare una mano in famiglia.

Spolverare mensole e scaffali

È una semplice attività con cui tutti i bimbi possono cimentarsi sin da piccoli nella propria cameretta: basta una pezzuola di cotone per spolverare le mensole e i ripiani ad altezza di bambino, i libri della libreria, i dvd nello scaffale… Una volta tolti i soprammobili, questo compito non presenta rischi: il bimbo potrà, quindi, dedicarvisi senza bisogno della vicinanza continua di un genitore, che nel frattempo potrà svolgere qualche altra faccenda.

Annaffiare le piante

Bagnare le piante sul balcone o in giardino è un compito semplice e divertente, che permetterà ai bimbi di apprendere i nomi dei diversi fiori e le loro caratteristiche. Ed è anche un’occasione per imparare che le piante sono esseri viventi e che l’acqua è indispensabile per il loro benessere.

Facciamo ordine!

Riordinare la cameretta (o il salotto) dopo aver giocato e prima di andare a dormire è un’abitudine che si può acquisire sin da piccoli. Per facilitare il compito, è importante una buona organizzazione: ogni giocattolo dovrebbe avere una sua collocazione e un suo contenitore (ad esempio, una cassetto per le costruzioni, una scatola per i puzzle, uno scaffale per i peluche); per i libri e i giornalini servirebbero una piccola libreria o una mensola dedicata. Se il bambino solitamente gioca in salotto, si potrà tenere anche in questo locale una cesta, in modo che il piccolo possa riporre velocemente i giocattoli quando avrà finito di usarli.

Articolo di Giorgia E. Cozza                       Gennaio 2013

Commenti