apri modal-popupadv apri modal-popupadv

03 dicembre 2018

Natale in ospedale: quante iniziative per i bimbi!

Le attività organizzate nei reparti pediatrici, o a favore di questi, per trascorrere il più serenamente possibile il periodo delle Feste in corsia

Natale in ospedale: quante iniziative per i bimbi!

Trascorrere in ospedale i giorni più belli dell’anno può essere davvero difficile per un bambino e per la sua famiglia. Ecco perché  vengono organizzate tante belle attività per festeggiare insieme il periodo natalizio. Qui trovate le iniziative di alcuni reparti di pediatria, realizzate grazie all’impegno di tanti volontari che sono al fianco delle famiglie che si trovano a trascorrere il periodo di Natale in ospedale.

A Bergamo, arrivano Santa Lucia e Babbo Natale in reparto

Una campanella. Due piccoli angeli. Ed ecco che il 13 dicembre nei reparti pediatrici dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo farà la sua comparsa Santa Lucia con una lunga veste azzurra e tanti piccoli doni per i bambini ricoverati. Un momento speciale, organizzato dai volontari delle associazione attive in reparto – ABIO Bergamo e Associazione Amici della Pediatria – per ricreare la magia dell’atmosfera natalizia per quei bambini che stanno vivendo l’esperienza difficile, a volte traumatica, del ricovero in ospedale e della malattia. E con l’avvicinarsi del Natale, in corsia, grazie alla Scuola in Ospedale, arriverà anche la musica delle cornamuse, un corteo di suonatori in costume tipico, accompagnati dal più anziano dei frati presenti in ospedale, ovvero Fra’ Aquilino, che guiderà gli zampognari tra reparti e ambulatori. Per i bimbi che trascorrono proprio il giorno di Natale in ospedale, infine, in Pediatria giungerà niente meno che Babbo Natale con il suo sacco ricco di doni. “L’apparizione di Santa Lucia, le rievocazioni degli zampognari, Babbo Natale e tutte le iniziative che nel periodo natalizio animano i reparti pediatrici, sono momenti di spensieratezza per i più piccoli dei nostri pazienti”,  spiega Lauretta Rota, referente per le Associazioni pediatriche dell’ASST Papa Giovanni XXIII. “Grazie al contributo prezioso delle associazioni, i bambini ricoverati e le loro famiglie ricevono doni e possono respirare un’atmosfera simile a quella che si crea nelle loro case durante il periodo festivo”. Per chi in reparto festeggerà il Capodanno, ci sarà un cenone dedicato proprio ai genitori dei piccoli pazienti, un’occasione per stare insieme in allegria aspettando il nuovo anno. Le iniziative natalizie si concludono il 6 gennaio, giorno dell’Epifania, con un concerto Gospel.

Natale in ospedale: a Vercelli, un peluche per ogni bambino

All’Ospedale S.Andrea di Vercelli è Natale tutto l’anno. Quando un bambino arriva nel reparto di Pediatria o in un ambulatorio pediatrico per sottoporsi a visite ed esami, c’è infatti un regalo che lo aspetta: un simpatico peluche che gli farà compagnia per tutta il periodo della degenza. “È un’idea nata dalla quotidianità vissuta al fianco dei nostri piccoli pazienti, spesso impauriti all’arrivo in ospedale”, spiega Michela Braghin, caposala del reparto di Pediatria. “Volevamo fare in modo che si sentissero protetti, e un amichetto, anche se di peluche, può regalare un sorriso. Ancor di più se sai che poi lo potrai portare a casa con te”. Quella di questo progetto è una bella storia di solidarietà, dato che i peluche sono stati donati da tante famiglie che hanno accolto l’appello diffuso sui social con l’hastag #facciamogirareinostripeluche e hanno portato di persona o spedito da altre regioni uno o più pupazzi destinati ai bimbi ricoverati. Una sorpresa gradita tutto l’anno – forse ancora di più se si trascorre il Natale in ospedale -, per tutti i piccoli che saranno felici di trovare sul letto della loro camera in reparto un morbido animaletto.

A Bologna, il mercatino di Natale

Un mercatino di Natale di quelli da non perdere, perché ha il sapore della solidarietà e dell’impegno nei confronti dei più piccoli e di chi è alle prese con un problema di salute. Venerdì 21 dicembre, al Policlinico Sant’Orsola-Malpighi di Bologna, in via Pietro Albertoni 15, dalle 10 fino alle 15, nel chiostro del Padiglione 3 si terrà il mercatino a cui partecipano le associazioni che nel corso dell’anno sono presenti con i loro volontari nei padiglioni dell’ospedale. “Questa iniziativa vuole sottolineare e portare all’attenzione di tutti i cittadini quanto sia importante e prezioso l’operato del volontariato”, spiega Filippo Caniglia, responsabile dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Policlinico. Visitando il mercatino, acquistando, o facendo una donazione, si ha la possibilità di sostenere la mission delle realtà impegnate in reparto. Tra le associazioni presenti ci sarà anche Mozart14. “Per quello che ci riguarda”, considera Francesca Casadei, referente Comunicazione dell’associazione, “i fondi raccolti serviranno a sostenere le attività che organizziamo nei reparti pediatrici di Onco-ematologia, Chirurgia, Terapia Intensiva Neonatale e Neonatologia dove, ogni settimana, professionisti musicoterapeuti e pedagogisti, che collaborano con Mozart14, conducono laboratori di musicoterapia e canto destinati ai bambini ricoverati e alle loro famiglie”.

A Pavia, uno spettacolo teatrale

A Pavia è di scena la solidarietà. Sabato, 1 dicembre, alle 21, presso il Teatro Angelo Rossi di Cava Manara si terrà lo spettacolo dei “Newrant”, gruppo pavese che valorizza il folklore e le tradizioni locali con musica e giocoleria in dialetto. L’ingresso è libero ma tutte le offerte raccolte nel corso della serata sono destinate all’AGAL, Associazione Genitori e Amici del Bambino Leucemico, che opera in stretta sinergia con la Clinica Pediatrica del Policlinico San Matteo, centro di eccellenza per la cura della leucemia infantile. AGAL, oltre a essere presente in ospedale con i suoi volontari per coinvolgere i piccoli pazienti in attività ludiche e creative, contribuisce a realizzare interventi di miglioramento del reparto di onco-ematologia pediatrica e offre ospitalità completamente gratuita alle famiglie dei bambini ricoverati, che abitano in altre regioni o Paesi, in cinque strutture di accoglienza. Si possono sostenere le attività di AGAL anche acquistando un calendario del 2019, arricchito dai disegni realizzati dai bambini ospiti nelle case di accoglienza o ricoverati in ospedale. L’offerta minima per un calendario è di 5 euro, per richiederlo è necessario contattare l’associazione chiamando il numero 0382.502548. Per informazioni sulle iniziative natalizie (e non), e per donare un piccolo contributo il riferimento è il sito dell’associazione.

A Milano, un SMS natalizio per i piccoli prematuri e un gioco da donare

Un SMS per regalare un’incubatrice all’avanguardia ai bimbi prematuri che sono ricoverati all’Ospedale Buzzi di Milano. In occasione delle festività natalizie, dal 17 al 30 dicembre, componendo con il proprio cellulare il numero solidale 45580 sarà possibile partecipare alla campagna di raccolta fondi per l’acquisto di una culla incubatrice termoregolata destinata ad accogliere i bimbi che alla nascita pesano meno di un chilo. “Questa culla permette una termoregolazione ideale per il neonato gravemente prematuro e sottopeso in tutte le fasi della crescita”, spiega Gianluca Lista, pediatra e direttore dei reparti di Neonatologia, Patologia e Terapia Intensiva Neonatale dell’Ospedale Buzzi. “Abbinato alla culla c’è un sistema di monitoraggio centralizzato che consente il costante controllo dei parametri vitali del neonato”. “La culla è inoltre dotata di un sistema audio avanzato che permette di intervenire a livello terapeutico anche attraverso la musicoterapia” spiega Antonella Conti, responsabile dell’associazione OBM-Ospedale dei Bambini Milano Buzzi Onlus, “in particolare è possibile per la mamma registrare la propria voce e farla ascoltare al suo bambino”.Per chi invia l’SMS da cellulari Wind Tre, Tim, Vodafone, PosteMobile, Iliad, CoopVoce e Tiscali, la donazione è di due euro, per ogni chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa TWT, Convergenze e PosteMobile, l’offerta è di 5 euro.
Inoltre, durante le feste, a partire dal giorno di Santa Lucia, anche i bambini possono compiere un bel gesto solidale. Alla Darsena di Milano, all’interno del “Santa Lucia Christmas Village”, potranno portare un giocattolo che non usano più e donarlo insieme a un’offerta minima di 3 euro. In cambio, ogni bambino riceverà un regalo, e saprà che tutte le offerte raccolte e i giocattoli donati saranno consegnati a OBM Onlus dell’Ospedale dei Bambini Buzzi di Milano.

 

di Giorgia Cozza

Commenti