Malanni di stagione: 8 regole per proteggere i bambini | Io e il mio bambino

Malanni di stagione: 8 regole per proteggere i bambini

Malanni di stagione: 8 regole per proteggere i bambini

L’influenza è alle porte, e non arriva da sola: è accompagnata da più di 200 virus tipici della stagione fredda, responsabili di raffreddore, tosse, mal di gola, febbre e dolori al pancino. “Il vaccino antinfluenzale è uno strumento di prevenzione importantissimo per adulti e bambini a maggior rischio di complicanze e immunizza contro i ceppi prevalenti di virus influenzale. Ma non contro tutti quelli in circolazione. Inoltre, non protegge dalle altre infezioni respiratorie, le cosiddette sindromi parainfluenzali”, osserva Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università di Milano. “Oltre alla vaccinazione, quindi, è importante mettere in atto alcune accortezze per rafforzare le difese dell’organismo e limitare le opportunità di contagio”.

  1. Curare l’igiene personale e l’igiene della casa. Lavare le mani di frequente e non toccare occhi, naso e bocca con le mani sporche. Non scambiare asciugamani, tovaglioli e posate. “Alcuni virus resistono ore all’esterno del corpo umano, sulle superfici, sulla biancheria e sugli indumenti”, avverte Pregliasco.
  2. Evitare la permanenza in luoghi chiusi caldi, umidi e affollati nei periodi di maggior diffusione dei virus influenzali e parainfluenzali. “Ovviamente senza esagerare e compromettere la vita sociale”, dice il virologo.
  3. Evitare l’esposizione al fumo: infiamma le vie respiratorie e abbassa le difese immunitarie.
  4. Adottare un’alimentazione sana, varia e ricca di frutta e verdura.
  5. Riposare e dormire un adeguato numero di ore: il sonno rafforza le difese immunitarie.
  6. Non chiudersi in casa, ma fare attività fisica all’aria aperta, coprendosi in modo adeguato alle condizioni atmosferiche ed esponendosi il più possibile alla luce del sole, che stimola la sintesi della vitamina D, prezioso alleato del sistema immunitario. “Quando si fa sport – e nella vita di tutti i giorni – non bisogna temere il freddo, ma gli sbalzi di temperatura improvvisi, che paralizzano temporaneamente il movimento delle ciglia delle cellule che rivestono le vie respiratorie, rendendole più vulnerabili a virus e batteri”, dice Pregliasco.
  7. Per quanto riguarda integratori e farmaci da banco che vantano un’azione stimolante sul sistema immunitario, non esistono evidenze forti della loro efficacia. “Alcuni studi, però, sembrano indicare un leggero beneficio”, osserva Marzia Duse, responsabile dell’Unità Operativa Complessa di Pediatria dell’Università di Roma La Sapienza. “I genitori che desiderano somministrarli ai propri figli possono farlo, dopo aver consultato il pediatra”.
  8. Rimanere a casa in presenza di sintomi influenzali, per non contagiare gli altri. Tossire e starnutire coprendosi bocca e naso con la mano o con un fazzoletto. Evitare i contatti tra bambini ammalati e i nonni, per non contagiare persone anziane a maggior rischio di complicazioni.

 

di Maria Cristina Valsecchi

Commenti