IRCCS Ospedale San Raffaele promosso “Ospedale Amico dei Bambini”

09 ottobre 2019

IRCCS Ospedale San Raffaele promosso “Amico dei Bambini”

È il primo ospedale di Milano a ricevere questo riconoscimento. Intensamente desiderato e raggiunto con un grande impegno

IRCCS Ospedale San Raffaele promosso “Amico dei Bambini”

È stato un percorso lungo, iniziato nel 2013, che ha richiesto l’impegno costante di tutte le figure professionali coinvolte. L’obbiettivo, conquistare una certificazione importante da parte dell’UNICEF, quella di “Ospedale Amico dei Bambini” per la promozione, la protezione e il sostegno dell’allattamento materno.
Non un punto di arrivo, ma una nuova partenza per l’IRCCS Ospedale San Raffaele. Per fare ancora di più e ancora meglio. Questo il messaggio più forte lanciato durante la Cerimonia di conferimento dello scorso 3 ottobre.

Insieme per l’allattamento

Diffondere la cultura dell’allattamento e garantire a tutti i bambini una nutrizione adeguata e il miglior inizio di vita possibile. È questo lo scopo del Programma ‘Insieme per l’Allattamento’ di UNICEF Italia che, a oggi, conta 29 Ospedali e 7 Comunità riconosciuti Amici dei bambini, 3 Corsi di Laurea riconosciuti Amici dell’Allattamento e oltre 750 Baby Pit Stop – spazi dedicati a tutte le famiglie in cui poter prendersi cura dei propri bambini.

L’IRCCS Ospedale San Raffaele è il primo ospedale di Milano e il primo ad alta complessità della Lombardia – con circa 2.000 parti l’anno – ad aver ottenuto questa certificazione da parte dell’UNICEF. Coerentemente alle indicazioni di Regione Lombardia e in stretta collaborazione con ATS Città Metropolitana di Milano.

«Sono felice di poter testimoniare il riconoscimento dell’area materno-infantile dell’IRCCS Ospedale San Raffaele come primo Punto nascita di Milano “Ospedale Amico dei bambini”», ha dichiarato Rossana Angela Giove, Direttore Socio sanitario di ATS Città Metropolitana di Milano«Questa importante certificazione è garanzia del fatto che, grazie all’impegno di tutto il personale dedicato, mamme e bambini potranno ricevere la migliore assistenza possibile, in linea con gli standard internazionali che promuove UNICEF e che sono volti a proteggere, promuovere e sostenere l’allattamento al seno e il rapporto madre/neonato/famiglia, fin dai primi istanti di vita».

L’IRCCS San Raffaele oggi e le sfide future

L’IRCCS Ospedale San Raffaele ha iniziato il percorso di riconoscimento nel 2013. Modificando via via l’assistenza a mamme e bambini, applicando i “Dieci passi per la promozione, la protezione ed il sostegno dell’allattamento” e superando una serie di visite di valutazione. Il percorso ha coinvolto le Unità di Ginecologia e Ostetricia, Pediatria e Neonatologia e tutto il personale che ogni giorno viene a contatto con donne in gravidanza, bambini e famiglie.

Tra i fiori all’occhiello, il consolidamento del rooming-in 24 ore su 24 dal 2008 e la promozione del contatto pelle a pelle anche nei tagli cesarei elettivi. Più un nuovo Blocco Parto nel 2015, con 4 sale parto e 2 sale operatorie. E le Cure Amiche delle Mamme durante il travaglio e il parto, una serie di pratiche che migliorano gli outcome di salute di madre-neonato, in sintonia con le nuove linee guida intrapartum care for a positive childbirth experience dell’OMS.

L’IRCCS Ospedale San Raffaele, ora, si pone nuovi obbiettivi. Tra questi, la diffusione pervasiva della cultura baby friendly in tutto l’ospedale, nuovi percorsi assistenziali che mettano in stretta relazione ospedale e territorio e il consolidamento della Baby Friendly Hospital Initiative (iniziativa Ospedali Amici dei Bambini, BFHI) anche in ambito intensivo neonatale. E, non ultima, l’implementazione del Percorso Nascita Fisiologico come da delibera XI/268 del 28/6/2018 e decreto 13039 del 16/9/2019 di Regione Lombardia.

 

di Giada Salonia

Commenti