Il primo Natale non si scorda mai | Io e il mio bambino
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

20 dicembre 2018

Il primo Natale non si scorda mai

Sei consigli per trasformare il Natale del tuo piccolo in un appuntamento unico e indimenticabile

Il primo Natale non si scorda mai

Il tuo bimbo è ancora molto piccolo, ma può già respirare l’atmosfera magica delle Feste. A volte, però, i riti che il Natale impone, come la corsa ai regali, gli addobbi o la preparazione del pranzo, rischiano di offuscare la magia di questa circostanza. Ecco i consigli della psicologa per organizzarsi al meglio e creare con lui momenti speciali in occasione del primo Natale, destinati a rimanere impressi nella sua memoria.

1. Fai una “lista dei desideri”

Potrai inviarla a parenti e amici che desiderano fare un regalo al piccolo, per concordare insieme ciò che gli serve: eviterai così di ricevere oggetti inadatti (ad esempio, giocattoli destinati a bambini più grandicelli) o doppioni. Occorre ricordare, inoltre, che troppi pacchetti sotto l’albero disorientano i bambini, soprattutto se sono piccoli. “Non chiedere, però, solo cose utili”, consiglia Paola Scalari, psicologa e psicoterapeuta. “Per un giorno, puoi permetterti di essere meno pratica. Sognare che tutto sia possibile fa parte della magia del Natale”.

2. Inaugura una tradizione

Il regalo più bello che si possa fare a un bambino è sicuramente trasmettergli la magia del Natale. E ogni famiglia lo festeggia con le proprie usanze e rituali. Una buona idea, quindi, può essere quella di trovare una nuova tradizione per celebrare le Feste con il piccolo, per esempio quella di regalare un pigiama a ogni membro della famiglia. Con un pacchetto da aprire in un momento d’intimità, per poi farsi una foto tutti insieme, in pigiama, e documentare in un album – anno dopo anno – il vostro percorso di crescita e amore.

3. Stabilisci un “baby day” dedicato al piccolo

Anche il tempo riservato al bambino è un dono prezioso: voi tre soli, in una giornata ad andamento lento. “Tempo da trascorrere insieme senza fare nulla di particolare, al massimo per preparare l’albero di Natale o il presepe, ma senza sentirsi in ansia perché tutto deve essere perfetto”, spiega Paola Scalari. Se il bimbo ha più di un anno, organizza una baby festa con i suoi amichetti e i loro genitori, nella quale i piccoli (e i grandi) possano socializzare. Sentirsi in famiglia non è un fatto esclusivo dei legami di sangue.

4. Compra un libro per il suo primo Natale

La lettura di una storia a tema – tutti insieme – può diventare un momento indimenticabile per grandi e piccoli.  Ogni dicembre, poi, potrai far ricomparire il libro per sfogliarlo con lui e introdurre la magica atmosfera delle feste. Leggendolo insieme, anno dopo anno, scriverete la “vostra storia di Natale”.

5. Fai al bambino anche un regalo “speciale”

Può essere un braccialetto o una tazza decorata, un pupazzo di pezza o una copertina, una pallina per l’albero… “Il regalo è un modo per dire all’altro che lo vediamo, che lo immaginiamo, che abbiamo pensato a lui com’è ora e come potrà essere domani”, osserva Paola Scalari. Questo dono speciale, poi, potrà passare un domani a suo figlio.

6. Non sentirti in colpa se non trascorri l’antivigilia a infornare biscotti

“Certo, i biscotti della nonna e i ricordi della propria infanzia fanno parte delle emozioni del Natale”, dice la psicologa. “La tradizione deve affondare le sue radici nel passato. Ma i riti che convogliano le tradizioni si possono modernizzare”. Se hai poco tempo per chiuderti in cucina, i biscotti puoi comprarli. È l’amore a farli diventare significativi.

F.C.

Commenti