Il bagnetto? Come renderlo facile? In 5 mosse fondamentali da seguire!

14 maggio 2019

Il bagnetto diventa facile in 5 mosse!

Il bagnetto diventa facile in 5 mosse!

Nella vita quotidiana di una neomamma ci sono alcuni appuntamenti irrinunciabili. Anzitutto le poppate, poi il riposino pomeridiano e magari anche quello di metà mattina, infine gli orari della messa a letto del pupo. Uno dei momenti chiave della giornata, però, è quello del bagnetto, che risulta importante a diversi livelli. Intanto perché attraverso il bagno ci si può prendere cura dell’igiene del piccolo e del suo benessere. Secondariamente il bagno è un momento fondamentale nella costruzione delle relazioni familiari. Il tocco delicato del genitore serve a sviluppare vicinanza e affetto, anche grazie al calore dell’acqua, all’atmosfera della stanza da bagno e al profumo delicato dei detergenti. Papà e mamma parlano al piccolo mentre lo lavano, trasmettono calore e affetto e ricevono in cambio sorrisi e gorgheggi, che restano nella memoria per sempre.

Il tempismo è fondamentale

A volte però questo momento speciale può diventare faticoso, perché i neogenitori non sanno bene come comportarsi e temono di commettere qualche errore che potrebbe compromettere il benessere del loro piccolo. Ecco allora 5 mosse fondamentali da seguire perché il bagnetto non sia uno stress o un dovere faticoso, ma un autentico piacere.

Anzitutto occorre scegliere il momento giusto per il bagno del piccolo. Se il bambino è stanco o affamato non avrà alcun piacere in questa pratica. È ideale fargli il bagno alla fine della giornata, dopo che ha avuto diverse esperienze, in modo da aiutarlo a rilassarsi e da avviare una routine che prepari alla notte. L’altra cosa da fare è preparare la stanza con tutto a portata di mano. Occorre che il locale dove si fa il bagno sia riscaldato, con una luce non troppo intensa, con un buon profumo. La temperatura dell’acqua non deve essere superiore a 24 gradi ed è necessario fare in modo di avere tutto il necessario per il bagnetto a portata di mano, dai giocattolini, ai prodotti ipoallergenici, dagli abiti al pannolino, così da non dover perdere tempo a girare per la casa cercando ciò che abbiamo dimenticato.

Il massaggio nella fase preliminare

Prima di procedere al bagno, poi, si può indulgere in un massaggio delicato del bebè. Si può mettersi sulle mani qualche goccia di olio emolliente e poi passarle sulla pelle del piccolo, iniziando dalle gambe e poi salendo piano piano fino al volto. Un momento di grande vicinanza e di affetto, che renderà il “cucciolo” più incline ad immergersi nella vasca.

A questo punto, quando il bambino è spogliato, senza pannolino e con il sederino pulito, non resta che immergerlo nella vaschetta, facendolo scivolare gradualmente in acqua partendo dai piedi, tenendo la spalla con il braccio e mettendo le dita sotto l’ascella. In questo modo la testa del bambino riposerà comodamente sull’avambraccio del genitore, mentre con l’altra mano si occuperà di tenere il sederino. Una volta in acqua il piccolo va strofinato delicatamente con una spugna, indulgendo nei punti dove ci sono le pieghe della pelle e si potrebbe accumulare lo sporco. Occorre delicatezza ma è necessaria anche un po’ di decisione. Il bagnetto per i piccoli deve durare pochi minuti, per i più grandicelli anche un quarto d’ora.

L’ultimo passaggio è quello dell’asciugatura, che va compiuta con salviette e accappatoi morbidi, tamponando e non strofinando, in modo da evitare fastidi e irritazioni. Si comincia dalla testa e poi si procede, stando attenti a non fargli prendere freddo.

Senza stress con gli strumenti giusti

jelly-okbabyPer evitare lo stress, dunque, si possono seguire queste regole, ma è anche importante assicurarsi di avere gli strumenti ideali. In questo senso un alleato prezioso per il bagnetto è la nuova sdraietta pieghevole Jelly di OkBaby, azienda italiana specializzata nel settore della prima infanzia, che garantisce da sempre i più alti standard in termini di creatività, affidabilità e sicurezza.

La sdraietta Jelly si usa dagli 0 agli 8 mesi, diciamo fino agli otto chili di peso. Viene posizionata all’interno della vasca da adulti per fare il bagno al bambino in pieno comfort. Ha sua seduta anatomica in morbida gomma traforata, che aumenta la traspirabilità e rende più semplice il risciacquo. Dotata di piano d’appoggio antiscivolo è comoda e sicura e si pulisce in un lampo. Oltre a richiedere uno spazio minimo visto che, una volta ripiegata, si può infilare in un cassetto o appendere vicino alla vasca con il gancio da cui è corredata.

Commenti