I rituali della buona nanna | Io e il mio bambino

19 luglio 2016

I rituali della buona nanna

I rituali della buona nanna

Il bagnetto, il massaggio, la fiaba: sono rituali che rilassano il bambino e lo aiutano a vivere con serenità il momento dell’addormentamento. Per favorire il sonno, però, è utile seguire alcune regole, così da creare una routine rassicurante. Ma anche i rituali che la precedono dovrebbero ripetersi con regolarità.

Il momento ideale per il bagnetto è verso sera, prima dell’ultima poppata. Questo appuntamento è importante non solo per l’igiene del bebè ma anche perché è un’occasione di interazione con i genitori: il bagnetto favorisce lo sviluppo affettivo e l’empatia reciproca, infondendo nel piccolo una sensazione di benessere. Si può cominciare a circa tre settimane dalla nascita, quando la ferita del cordone ombelicale si è completamente cicatrizzata.

Come usare Johnson’s Baby Bagno

Come organizzarsi? Prima di sistemare il tuo bambino nella vaschetta, crea un ambiente confortevole. Riduci al minimo i rumori e scegli una luce soffusa per farlo rilassare. Porta, quindi, la stanza a una temperatura di 24-25 gradi e assicurati che l’acqua sia tra i 36 e i 37 gradi, profonda circa un palmo di mano aperto. Aggiungi, quindi, qualche goccia di Johnson’s® Baby Bagno Dolci Notti: ideale per detergere delicatamente la sua pelle. Tieni, quindi, a portata di mano tutto ciò che ti serve: un telo di spugna morbido, un paio di pannolini di ricambio, indumenti puliti.

Non dimenticare di preparare anche Johnson’s® Baby Dolci Notti Crema Liquida o Johnson’s® Baby Olio Dolci Notti: ti serviranno per massaggiare delicatamente la sua pelle a bagnetto finito. Questo rituale ha anch’esso un effetto molto rilassante e predispone al sonno: la vicinanza dei genitori, le coccole, il suono della loro voce infondono nel bambino un senso di benessere e di sicurezza. Il loro tocco caldo e affettuoso passa attraverso la pelle, un vero e proprio organo di senso per i bambini. I muscoli si distendono, il ritmo cardiaco si regolarizza e la respirazione si fa più intensa e profonda.

Finito il massaggio, il rituale della nanna è quasi completato: resta accanto al tuo bambino ancora un po’ prima che si addormenti. Cantagli una ninna nanna o leggigli una fiaba. Sono tra i rituali della buonanotte più apprezzati da sempre. Se il bimbo è ancora piccolo cullalo tra le braccia o dondolalo nel lettino, faciliterai il suo addormentamento. Se è più grandicello, può bastare anche la tua vicinanza e una carezza per accompagnarlo “tra le braccia di Morfeo”.

 

Commenti