Family Center Anna Meyer, partecipa anche tu alla campagna solidale
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

22 febbraio 2019

Family Center Anna Meyer, partecipa anche tu alla campagna solidale

Somiglia a una pagoda, immersa nel verde del parco dell’ospedale, la nuova struttura che il pediatrico di Firenze dedica all’accoglienza delle famiglie

Family Center Anna Meyer, partecipa anche tu alla campagna solidale

Il Family Center Anna Meyer sarà la struttura dedicata all’accoglienza dei bambini e delle famiglie, dove chi arriva al Meyer per un ricovero potrà trovare tutto quello di cui ha bisogno. Ad attenderli, fin dal momento del loro ingresso, ci sarà una serie di attività e di figure professionali che l’Ospedale mette a disposizione: dagli assistenti sociali alle psicologhe, dagli infermieri, alle associazioni di volontariato e a quelle dei genitori. Le famiglie potranno così incontrare gli operatori in un ambiente professionale e accogliente, pensato per mettere a proprio agio bambini e famiglie in un momento così delicato.

Open space ecosostenibile

Sarà uno spazio di 500 metri, collocato a due passi dall’ingresso dell’ospedale, nel verde del parco del Meyer. Ospiterà l’Ufficio relazioni con il pubblico e farà da punto di raccordo per tutte quelle attività di supporto necessarie ai bambini e alle famiglie. Si tratterà di un grande open space, ospitato in una struttura rigorosamente ecosostenibile, con uffici pensati per garantire la privacy, ambienti per l’attesa e aree per i colloqui. Ci sarà il wifi e maxi schermi alle pareti, divani e giochi per i piccoli, veri, grandi protagonisti della vita del Meyer: “Abbiamo voluto intitolare il Family Center ad Anna Meyer, moglie del fondatore dell’ospedale che si era dispiaciuta, a fine ’800 di aver visto i bambini ricoverati insieme agli adulti”, racconta Daniela Papini, responsabile Comunicazione e umanizzazione delle cure del Meyer.

Umanizzazione delle cure

Da allora è stata fatta molta strada, ma la filosofia resta immutata: “L’ospedale non si è mai fermato nella sua crescita e nella sua ricerca di cure migliori legate alla ricerca e all’innovazione tecnologica, da offrire ai bambini, ai ragazzi e alle loro famiglie”, prosegue Daniela Papini. Grazie alla fattiva collaborazione di tutti gli operatori ha sempre avuto un occhio attento all’umanizzazione del percorso di cura. Il Family Center Anna Meyer si inserisce proprio in questo contesto di umanizzazione: lo amplifica per offrire fin da subito accoglienza e vicinanza in un momento delicato come quello del ricovero, che genera abitualmente ansia e disagio”.

Un piano di sviluppo rivoluzionario

È già prevista una data di inaugurazione: il 13 dicembre 2019, giorno della morte di Anna Meyer (1883). Il Family Center fa parte di Meyerpiù, il piano di sviluppo dell’ospedale che, nell’arco di tre anni, porterà il Meyer ad allinearsi alle realtà pediatriche più avanzate. L’ospedale si farà, letteralmente, in tre. Ci saranno tre aree distinte, ma interdipendenti: l’Ospedale, che sarà sempre più destinato ai ricoveri e alla cura delle patologie ad alta complessità, il Meyer Health Campus, cuore della formazione e della didattica, e il Parco della Salute, una struttura che accoglierà la Neuropsichiatria, gran parte delle attività ambulatoriali e i Day Hospital medici.

Family Center Anna Meyer: come sostenere l’iniziativa

Fino al 10 marzo 2019 si possono donare 2 euro per ciascun SMS inviato al numero 45513 da tutti i cellulari. Si può donare anche da rete fissa, chiamando il numero solidale 45513 e scegliendo tra 5 o 10 euro. Il numero rimarrà comunque attivo anche nei prossimi mesi, fino al 31.12.2019 e donare è sempre possibile accedendo al sito della Fondazione Meyer.

di Benedetta Strappi

Commenti