E tu da che parte stai? Famiglie in gioco il 5 maggio
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

03 maggio 2019

E tu da che parte stai? Famiglie in gioco il 5 maggio

Un evento dedicato a tutte le persone - mamme, papà, nonni, insegnanti, educatori, amministratori - che hanno a cuore il benessere dei più piccoli. Domenica si terrà a Milano la manifestazione “E tu da che parte stai? Umanità verso indifferenza” che pone al centro la felicità delle nuove generazioni

E tu da che parte stai? Famiglie in gioco il 5 maggio

Una giornata di festa, un’opportunità per incontrare altre famiglie, partecipare a laboratori, spettacoli, conferenze. Filo conduttore dei 38 eventi in programma dalle 10 alle 21 al Palazzo della Società Umanitaria (in via Daverio 7), la felicità dei bambini e delle bambine, come premessa indispensabile per costruire una società migliore. E tu da che parte stai? nasce da un’idea di Paolo Limonta, maestro elementare e consigliere comunale di Milano, e Antonella Meiani, maestra elementare, autrice del libro “Tutti i bambini devono essere felici”, ed è stato realizzato grazie all’impegno di numerose associazioni attive sul territorio in collaborazione con la Società Umanitaria, il Centro di Nonviolenza Attiva e Radio Popolare. All’evento parteciperanno reti cittadine e nazionali, insegnanti, dirigenti scolastici, educatrici, amministratori, autori, attori, cantanti e musicisti che hanno deciso di condividere la propria esperienza per promuovere l’umanità e l’attenzione verso i più piccoli.

Emozioni, laboratori per grandi e piccoli

Tanti gli argomenti trattati nel corso della giornata e sviluppati grazie agli approfondimenti di numerosi esperti all’interno di conferenze per i genitori e laboratori per i bambini. Tra i temi affrontati troviamo le emozioni: grandi e piccoli saranno chiamati a riflettere sull’universo emotivo con proposte differenziate in base all’età. Per i più piccoli (dai 4 ai 6 anni) l’appuntamento è con il laboratorio “A volte mi sento… Inondare di emozioni”, i bambini più grandicelli (dai 7 agli 11 anni) sono chiamati a dire la loro in un’assemblea dedicata alla felicità, ragazzini e ragazzi sono attesi al laboratorio “Alleniamo l’intelligenza emotiva”. I genitori potranno partecipare alla conferenza tenuta dal pedagogista Daniele Novara, intitolata “Litigare bene è possibile” e all’incontro esperienziale “Relazioni, non punizioni”. Altri incontri saranno dedicati al gioco libero, all’ozio, alla consuetudine di leggere e raccontare. E dato che la felicità è protagonista della giornata E tu da che parte stai? , Tempo per l’Infanzia cura “Alla faccia della felicità”, il laboratorio “per raccogliere parole e facce di felicità”.

Umanità ed ecologia

L’attenzione verso l’altro e l’attenzione verso l’ambiente saranno oggetto di varie proposte, sempre pensate per genitori e bambini. Mamme, papà, nonni, educatori e insegnanti avranno modo di confrontarsi a proposito di inclusione, prevenzione della violenza e della violenza di genere, pace e frontiere. I bambini potranno ascoltare le “filastrocche migranti” all’interno del laboratorio “Permesso posso entrare?”. Genitori e figli sono invece chiamati a partecipare insieme al laboratorio “La regola d’oro dell’umanità”, tenuto dal Centro di Nonviolenza. E per promuovere l’amore per la natura, per i piccoli c’è in programma un’esperienza divertente e istruttiva: il laboratorio di “Guerrila Gardening”, alla scoperta di semi e piante e di un giardinaggio che rende più allegre e vivibili le città.

Pranzo in compagnia, musica e spettacoli

Dalle 13.30 alle 14.30, pranzo in allegria a cura dei “Panificatori di Pane in Piazza”, mentre nel tardo pomeriggio sarà il momento della musica con il concerto dell’orchestra “Golfo mistico”. Tra le 20 e le 22 verrà messo in scena lo spettacolo “Errare humanum est: il carcere minorile spiegato ai ragazzi”, una riflessione sul disagio, la devianza minorile e la giustizia, condivisa dai ragazzi detenuti con un pubblico di coetanei per mostrare che cambiamento e crescita personale sono possibili. Il programma con tutti gli eventi, presentati in modo dettagliato, è consultabile a questo link.

Un manifesto contro l’indifferenza

La giornata E tu da che parte stai? si concluderà con la redazione di un manifesto, che servirà come base per creare un movimento capace di sviluppare umanità anziché indifferenza. “L’idea è quella di far partire un percorso”,  spiega Paolo Limonta, “che porti alla formazione di un movimento trasversale e coinvolga genitori, nonni, educatori, maestri, assessori, sindaci, tutti coloro che credono si debba partire dalla felicità dei bambini per costruire una società migliore”. Una società dove la città e la scuola sono luoghi in cui il benessere dei bambini è messo al centro, una società impegnata a creare alleanze per sviluppare umanità anziché indifferenza.

Per saperne di più

L’ingresso è gratuito, ma è gradita l’iscrizione tramite il sito del progetto. I laboratori per cui è necessaria l’iscrizione sono segnalati nel programma che è online sul sito, con i riferimenti per procedere. Per chi volesse saperne di più sull’iniziativa, E tu che da parte stai? è presente anche su facebook con una pagina dedicata.

 

di Giorgia Cozza

Commenti