Congiuntivite del bebè: può presentarsi anche d’inverno?

27 dicembre 2019

Congiuntivite: può presentarsi anche d’inverno?

Può essere di origine virale o batterica. E non va mai trascurata. Ecco perché capita e come prendersi cura dei suoi occhietti

Congiuntivite: può presentarsi anche d’inverno?

Occhietti arrossati, che lacrimano e, a volte, bruciano. La congiuntivite è il disturbo oculare più comune nei bambini, anche i più piccoli. E non solo nella bella stagione, ma anche durante i mesi invernali.

Le cause più frequenti

Il disturbo può essere provocato dall’aria fredda? “Sì, anche se indirettamente”, risponde Gianfranco Trapani, pediatra a Sanremo. “Il freddo abbassa le difese immunitarie, anche a livello dell’occhio, rendendolo più vulnerabile all’azione degli agenti patogeni”.

Un’altra causa di congiuntivite, in questo periodo, sono i frequenti raffreddori. “Le secrezioni ristagnano nel canale naso-lacrimale, provocando una risalita di germi verso l’occhio e causandone l’infiammazione”, spiega l’esperto.

La congiuntivite può avere origine virale o batterica. I sintomi sono all’incirca gli stessi: l’occhietto appare arrossato, è presente abbondante lacrimazione e il piccolo lamenta prurito e fastidio alla luce. La congiuntivite batterica è caratterizzata da secrezioni giallognole, che si accumulano nell’angolo interno dell’occhio. Quella virale spesso è associata a un raffreddore.

Congiuntivite: come alleviare il fastidio

“In entrambi i tipi di congiuntivite, è importante lavare con cura l’occhietto“, dice l’esperto. “Esternamente, si possono usare le apposite salviettine a base di sostanze emollienti, reperibili in farmacia. È bene, inoltre, instillare quattro o cinque volte al giorno un collirio consigliato dal pediatra. Questa operazione va eseguita con il bimbo sdraiato, in modo che il collirio riesca a penetrare bene nell’occhio anche se il bambino piange o tiene le palpebre chiuse. Utili anche i lavaggi nasali a base di soluzione salina ipertonica. In caso di congiuntivite batterica, il pediatra prescriverà un collirio o una pomata oftalmica a base di antibiotici”.

Specialmente le congiuntiviti batteriche sono molto contagiose. “La trasmissione avviene attraverso le mani“, spiega il pediatra. “Dopo aver medicato il bambino, la mamma deve quindi lavarsele accuratamente, e riservare al piccolo un asciugamano personale fino alla completa guarigione”.

di Francesca Mascheroni  

Commenti