Casa Sollievo Bimbi: un sms solidale per ultimarla
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

21 gennaio 2019

Casa Sollievo Bimbi: un sms solidale per ultimarla

Nel nostro Paese sono più di 30mila i bambini che purtroppo soffrono di malattie inguaribili. Per questi piccoli serve un'assistenza complessa che ad oggi è garantita solo a un'esigua minoranza. Dal 21 gennaio al 16 febbraio, con un SMS solidale, sarà possibile partecipare al completamento della Casa Sollievo Bimbi, il primo Hospice Pediatrico della Lombardia, realizzato da Vidas

Casa Sollievo Bimbi: un sms solidale per ultimarla

In Italia solo il 15% dei bambini affetti da una malattia inguaribile di natura oncologica, rara, neurologica o neuromuscolare, riceve le necessarie cure palliative. E a causa della quasi totale mancanza di servizi dedicati, le famiglie si trovano ad affrontare la prova più terribile, la malattia di un figlio, senza un adeguato sostegno. Per colmare questa lacuna, Vidas, associazione che dal 1982 offre assistenza completa ai malati terminali, ha realizzato a Milano Casa Sollievo Bimbi, il terzo hospice pediatrico presente sul territorio nazionale.

Casa Sollievo Bimbi, un ambiente a misura di famiglia

I bambini e gli adolescenti che soffrono di malattie inguaribili verranno accolti in un ambiente caldo e confortevole, a misura di famiglia, sin dall’esordio della patologia e troveranno insieme ai loro genitori, sostegno psicologico, vicinanza emotiva, e cure adeguate. La struttura comprende sei mini alloggi ed ampi spazi, tra cui un giardino d’inverno, destinati al gioco e alla socializzazione. Il Day Hospice ospiterà ambulatori, studi medici e uno sportello sociale per garantire alle famiglie consulenze specialistiche e supporto psicologico.

Un’esigenza segnalata dai genitori

Il progetto della Casa Sollievo ha origini lontane e nasce da un input giunto da due genitori che nel 2014 si erano rivolti a Vidas raccontando la loro esperienza. “Nel loro caso la soluzione delle cure domiciliari non era stata praticabile fino alla fine e l’unica alternativa era l’ospedale”, racconta Giada Lonati, direttrice socio-sanitaria di Vidas. “In quell’occasione ci segnalarono l’esigenza di uno spazio protetto, diverso da quello ospedaliero, dove i bambini gravemente malati potessero essere ricoverati non solo per essere accompagnati nel difficile percorso del fine vita, ma anche per brevi periodi per dare ai genitori un po’ di sollievo, alleviando l’impegnativo carico di un’assistenza continuativa”.

Un progetto pilota

“In quell’occasione, io e Barbara Rizzi, direttrice scientifica di Vidas, abbiamo subito colto la fondatezza di quella richiesta che coincideva con il bisogno di altre famiglie” ricorda Giada Lonati. “Quei genitori erano arrivati per darci una spinta nella direzione giusta. Nel 2015, ha preso il via il nostro progetto pediatrico, partito con il servizio di assistenza domiciliare”.
Il passo successivo è stato quello di un hospice dedicato ai bambini. L’ospitalità e i servizi offerti dalla Casa Sollievo Bimbi, che si propone come progetto pilota per le cure palliative in Italia, saranno totalmente gratuiti per le famiglie. I modelli di intervento messi a punto presso l’hospice pediatrico milanese potranno diventare un prezioso punto di riferimento per altre strutture.

La campagna di sensibilizzazione e raccolti fondi

La Casa Sollievo Bimbi di Milano verrà inaugurata in primavera, ma per completarla c’è bisogno di un po’ di aiuto. Per ultimare l’intervento e acquistare gli arredi, Vidas lancia una campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi che partirà oggi, lunedì 21 gennaio e si concluderà il 16 febbraio. Per partecipare è sufficiente inviare un SMS o fare una telefonata al numero solidale 45587, contribuendo così al completamento del progetto.

SMS solidale

Il valore della donazione sarà di 2 euro per ogni SMS inviato da cellulare Wind Tre, Tim, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali, chiamando lo stesso numero da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile la donazione sarà di 5 euro. Infine, si potranno donare 5 o 10 euro, chiamando da rete fissa Tim, Wind, Fastweb, Vodafone e Tiscali.
Per saperne di più a proposito della campagna solidale e/o dei progetti che l’associazione porta avanti a sostegno delle famiglie che stanno affrontando l’esperienza della malattia, è possibile consultare il sito.

 

di Giorgia Cozza

Commenti