Gravidanza, allattamento e svezzamento: 10 bufale da sfatare
apri modal-popupadv apri modal-popupadv

05 ottobre 2018

Gravidanza, parto, allattamento e svezzamento: 10 bufale da sfatare

 

Gravidanza, parto, allattamento e svezzamento: 10 bufale da sfatare

Informazioni sbagliate e consigli inadeguati che, viaggiando online, si diffondono velocemente, si amplificano e assumono via via sempre più credito tra chi, inesperto, è alla ricerca di risposte ai propri dubbi. Sono le bufale o fake news, come ormai siamo abituati a chiamarle, quelle che un tempo venivano definite “bufale” o frottole. Per i futuri o neogenitori che hanno bisogno di risposte sicure e scientificamente corrette, è nato così “Nutripedia – InformaTi per crescere”, un movimento di educazione alla corretta nutrizione di mamma e bambino nei primi 1000 giorni di vita.

Genitori ed esperti – insieme alla Fondazione Istituto Danone e ai membri di RIMMI (la Rete Interaziendale Milano Materno Infantile) – si sono uniti per fare buona informazione e promuovere abitudini e stili di vita corretti proprio attraverso il web, sia con il sito nutripedia.it, sia grazie alla pagina Facebook e alle mamme e ai papà blogger che fanno parte del progetto. Tutti possono partecipare, basta mettersi in contatto e raccontare le proprie esperienze per smascherare quante più fake news possibili e fare chiarezza su un tema molto delicato.

Come ricorda Gianvincenzo Zuccotti, Coordinatore Steering Committe di NUTRIPEDIA e Direttore Dipartimento di Pediatria dell’Ospedale dei Bambini V. Buzzi di Milano, “l’alimentazione nei primi mille giorni di vita ha un impatto diretto sulla salute futura del bambino e sul rischio di sviluppare malattie croniche da adulto. Di questi 1000 giorni, circa 1/3 sono di gravidanza, periodo in cui si mettono le basi per la salute del piccolo che nascerà, ma anche per quella dell’adulto che diventerà”. Nutripedia scende quindi in campo per smascherare le notizie scorrette e contrapporre le indicazioni degli esperti.

Ecco le prime 10 fake news individuate e “bollate” sul sito.

 

Giada Salonia

Commenti