apri modal-popupadv apri modal-popupadv

31 agosto 2018

Anche per i bimbi, un festival dedicato alla letteratura

A Mantova, dal 5 al 9 settembre, Festivaletteratura è un'occasione per avvicinare anche i più piccoli al mondo delle storie e coinvolgerli con i loro genitori in giochi e laboratori creativi da ripetere a casa, per divertirsi insieme e coltivare l'amore per i libri, le fiabe, le parole

Anche per i bimbi, un festival dedicato alla letteratura

Cinque giorni dedicati all’amore per i libri e al magico mondo delle storie. Prenderà il via mercoledì 5 settembre in quel di Mantova la ventiduesima edizione del Festivaletteratura, che si articolerà in 204 eventi e vedrà la partecipazione di più di trecento ospiti, italiani e stranieri, con tanti appuntamenti pensati ad hoc per le famiglie con bambini.

Duecento eventi tra piazze, vie e palazzi

Ricchissimo il calendario dell’edizione 2018 dello storico festival che animerà le piazze, le vie, le biblioteche e i palazzi di Mantova da mercoledì a domenica 9 settembre. In programma incontri con gli autori (l’ultimo giorno sarà presente la nota scrittrice Elif Batuman, intervistata da Gabriele Romagnoli in piazza Castello), laboratori, percorsi, proiezioni e installazioni. Un appuntamento imperdibile per i lettori di ogni età, con tanti eventi pensati per bambini e ragazzini, all’interno del progetto Read On che dal 2017 vede impegnato il Festival, insieme ad altri sei partner stranieri, nella promozione della lettura tra i più giovani.

Nella Casa del Mantegna, un girotondo di proposte

Tutti i giorni, l’appuntamento per le famiglie con bambini (dai 4 ai 12 anni) è alla Casa del Mantegna, per un girotondo di proposte: sette attività divertenti e creative organizzate da artisti e scrittori. Si parte dal cortile, che il pittore quattrocentesco ha voluto rotondo, e che ben si presta quindi per un girotondo di idee e divertimento. Dal cortile si accede alle sale del piano terreno e quindi ai vari laboratori. “Sette postazioni che si possono godere in completa libertà”, spiega Carla Bernini, responsabile degli eventi dedicati ai bambini del Comitato Festivaletteratura, “non c’è un ordine predefinito, ogni bambino può partecipare ai laboratori che più lo attirano, insieme a mamma e papà”.

Le proposte sono tutte diverse: nella sala dei libri sbagliati si gioca a cambiare i titoli e immaginare storie nuove per opere famose (come “I promessi sposi”, che diventano “I promessi spesi”); nella sala “Un mondo assieme” si costruiscono aeroplani, navi e intere città usando barattoli, bottoni e altri materiali di scarto; nella sala “Ombragiro” si gioca al teatro delle ombre. E ancora, chi partecipa al Girotondo potrà creare poster, collage, autoritratti, libri rotondi e tante storie tutte nuove.

Con l’autore per giocare con le storie

I bambini e i genitori che amano il Gruffalò e la Strega Rossella saranno entusiasti di incontrare dal vero l’illustratore Axel Scheffler che mercoledì condurrà un laboratorio per i bimbi dai 3 ai 5 anni, insieme a Vera Salton, libraia, antropologa e studiosa di letteratura e illustrazione per l’infanzia Per i bambini sarà l’occasione per conoscere Pip e Posy amici per la pelle, che giocano, organizzano pic-nic, qualche volta litigano per uno scherzo di troppo, o perché qualcuno ruba i giocattoli e poi fanno pace.

Si gioca ancora con le storie, insieme a Silvia Borando, autrice e illustratrice, che sabato racconterà la storia di Grande Gatto e Piccolo Gatto e dei loro amici in cerca di compagnia, e domenica coinvolgerà i bambini in un viaggio alla scoperta di ragni, rospi e altre creature un po’ spaventose, armati di storie, fogli e pennarelli.

Un teatro per i più piccini

E per i piccolissimi, l’appuntamento è in teatro, dove le storie prendono vita. “Per i bambini da 0 a 4 anni è stata pensata una rappresentazione teatrale organizzata allo Spazio Studio Sant’Orsola”, spiega Carla Bernini. In scena lo spettacolo “Crikecrak” de “La Baracca-Testoni Ragazzi”, una storia di noci e di bosco che inizia con una torta e un compleanno, anzi due, quelli di Mammalorsa e Babbolorso. Per la torta servono le noci e le castagne, e così Piccolalorsa va nel bosco a raccoglierle. E nel bosco: crikecrak, una noce si rompe, crikecrak un ramo si spezza… Una storia semplice e divertente, pensata per coinvolgere ed emozionare i più piccini. Lo spettacolo si terrà domenica alle 11, alle 15 e alle 17.

Per saperne di più e per conoscere il programma completo e la mappa degli eventi e degli incontri con autori, artisti e illustratori, clicca qui 

 

di Giorgia Cozza

 Foto: ©Festivaletteratura Mantova

Commenti