Sesso dopo il bebè | Io e il mio bambino

25 maggio 2012

Sesso dopo il bebè

Sesso dopo il bebè

Che l’arrivo di un bambino modifichi la vita di coppia è inevitabile: per mesi dopo il parto, il piccolo, con le sue esigenze e i suoi progressi, assorbe tutta l’attenzione, e ti riempie di orgoglio, appagamento, entusiasmo. Ma l’intimità, fatta di desiderio e di momenti in cui ci si dimentica del mondo per dedicarsi completamente l’uno all’altro, spesso non esiste più. E non solo perché non c’è più tempo per stare insieme, ma anche e soprattutto perché l’impulso di fare l’amore non viene più avvertito come prima. Come mai? Alcuni cambiamenti, fisici e psicologici, all’inizio ostacolano la ripresa dei rapporti.

Ti frena l’ormone antidesiderio
Non hai voglia di fare l’amore? La colpa, almeno in parte, è degli ormoni. Dopo il parto, la caduta del desiderio può essere messa in relazione con l’aumento dei livelli di prolattina, l’ormone prodotto dall’ipofisi (una ghiandola di forma ovoidale situata nella testa) per stimolare la produzione di latte da parte della ghiandola mammaria. Si ipotizza che la maggiore presenza di prolattina influenzi la sfera emotiva, da un lato sollecitando la comparsa dell’amore materno e dell’istinto di proteggere il bambino e dall’altro affievolendo la pulsione sessuale.

Hai paura di provare dolore
Se hai subito l’episiotomia può darsi che eviti il rapporto sessuale per il timore di provare dolore. Questa paura agisce come un potente sedativo del desiderio. Per sentirti più tranquilla, ti puoi sottoporre a una visita ginecologica, in modo da essere rassicurata sulla perfetta guarigione della ferita e sull’assenza di infezioni che potrebbero causarti fastidio. Lo specialista potrà anche prescrivere un gel lubrificante da applicare in vagina prima della penetrazione. Utile, poi, provare a scambiarsi coccole senza arrivare al rapporto completo, in modo da riprendere l’attività sessuale con gradualità e senza tensioni.

Sei troppo assorbita nel tuo ruolo di mamma
Ti senti talmente appagata dal nuovo ruolo di mamma da non sentire più la necessità di trarre piacere e gratificazione dalla vita sessuale. In effetti, la straordinaria intimità che si viene a creare tra mamma e bambino può far dimenticare letteralmente che esiste anche un’altra intimità cui vale la pena di dare spazio. Attenzione, però, perché questo rapporto così esclusivo con il piccolo potrebbe scatenare nel partner risentimento e gelosia nei confronti del bebè.

Temi di non piacergli più
Hai ancora un po’ di pancetta, il giro vita allargato e qualche chilo di troppo. Basta questo a farti sentire brutta e goffa, e a convincerti, a torto, di non essere più desiderabile come prima. E a farti stare alla larga dal sesso. A volte la caduta del desiderio va interpretata come una sorta di meccanismo di difesa psicologica, che elimina la voglia di fare l’amore per evitare il rischio di un doloroso rifiuto da parte del partner.

 

Commenti