apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Sudamina, i trucchi per evitarla

Caldo e umido? La pelle del bebè ne risente subito: a causa del sudore che non riesce a evaporare, si arrossa e si riempie di puntini

Sudamina, i trucchi per evitarla

La sudamina è un fastidioso disturbo molto frequente nei piccoli. “Quando il sudore molto abbondante di questi giorni ristagna e non evapora, i condotti delle ghiandole sudoripare si chiudono e provocano una tipica reazione infiammatoria”, spiega il dermatologo Roberto Castelpietra. “La pelle del bebè, sottile e delicata, si irrita e, nel giro di poche ore, la reazione può estendersi dalle pieghe del collo o delle gambe a zone più ampie”. È un fenomeno molto frequente, ma fastidioso perché provoca prurito. Si manifesta con minuscoli puntini rossi, vere e proprie vescicolette che irritano l’epidermide, ed è definita dai dermatologi “dermatite da occlusione sudorale” o anche “eritema da calore” o “miliaria”.

Non coprirlo troppo e… occhio ai tessuti!

Coprire troppo i bambini è l’errore più comune che contribuisce a provocare la comparsa di questo fastidioso eritema. “In piena estate i bebè vanno vestiti con indumenti larghi e leggeri, scegliendo tessuti 100% cotone di buona qualità: così si garantisce una buona traspirazione e il sudore non resta troppo a lungo a contatto con la pelle”, suggerisce il dermatologo. “Spesso la sudamina compare dopo aver usato l’auto, quando le parti scoperte entrano in contatto con il tessuto sintetico del seggiolino”. Se il tessuto non è traspirante, meglio quindi utilizzare un rivestimento in spugna, e lo stesso vale per il passeggino. “In auto, bisognerebbe anche evitare che il bambino resti fermo nella stessa posizione per troppo tempo”, aggiunge il dermatologo. Occorre, quindi, prevedere qualche sosta, per permettergli di uscire dall’abitacolo. E andrebbe utilizzata l’aria condizionata, ovviamente con buon senso e senza eccessivi sbalzi termici: deumidifica l’aria e limita la sudorazione. “Anche i neonati nella culla andrebbero spostati di tanto in tanto, per evitare che il sudore ristagni: bisogna muoverli un po’, perché altrimenti si ottiene lo stesso effetto di un bendaggio occlusivo”, avverte l’esperto.

Sì alle doccette frequenti

Ma il sistema più efficace per prevenire la sudamina è fare al bambino doccette molto frequenti. “Basta passarlo sotto l’acqua tiepida, senza utilizzare saponi o altri prodotti, e asciugarlo per bene per eliminare il sudore”, afferma il dermatologo. “Quando si è fuori, può essere utile ricorrere agli spray di acque termali per rinfrescare la pelle”. Con i più piccoli, a volte si consiglia anche di spalmare nelle pieghe un sottile velo di pasta di ossido di zinco (la stessa che si usa per evitare gli arrossamenti del sederino dovuti all’eritema da pannolino). E se, malgrado tutte le accortezze, dovesse comparire la sudamina? Va tenuta d’occhio perché la pelle irritata è facile preda delle infezioni batteriche. Nel caso compaiano pustole dalla colorazione giallastra (indice della presenza di pus), il pediatra potrà prescrivere una pomata a base di antibiotico. Se non c’è infezione ma comunque un’irritazione importante, si ricorre a un cortisonico o a una crema lenitiva antinfiammatoria.

di Chiara Sandrucci    

Commenti