apri modal-popupadv apri modal-popupadv

Giochi di società: quando proporli al bimbo?

Sviluppano la memoria e le capacità logiche, favoriscono l'apprendimento di alcune abilità manuali e la scoperta delle regole: ecco cosa impara il bambino con questi divertenti passatempi

Giochi di società: quando proporli al bimbo?

Rappresentano da sempre uno dei passatempi più apprezzati da grandi e piccoli per trascorrere un pomeriggio in famiglia o con gli amichetti quando fuori c’è brutto tempo e non si può andare al parco. I primi, semplici giochi di società, inoltre, favoriscono l’apprendimento e lo sviluppo delle capacità logiche e manuali del piccolo. Non solo: gli insegnano anche la condivisione e il rispetto delle regole.

Così impara che non si può vincere sempre

Si possono cominciare a proporre i primi giochi in scatola anche ai più piccoli. “Fino ai tre anni, però, i bambini non sono in grado di giocare ‘insieme’ ai coetanei, ma soltanto affiancati da un adulto”, precisa la psicoterapeuta Daniela Bavestrello. “Non ci si può, quindi, aspettare che i piccoli si concentrino sul gioco con la stessa partecipazione di un bambino più grandicello. I giochi di società, comunque, sono preziosi per avvicinare i bimbi, con pazienza e attenzione ai loro tempi, al rispetto delle regole e dei turni e insegnare loro a gestire la frustrazione delle prime sconfitte“. Giocando con i genitori è inevitabile che mamma e papà a volte ‘barino’ un po’, facilitando la vittoria del piccolo e accettando qualche eccezione alle regole. Ben diversa sarà la situazione quando il bambino, dopo i tre anni, comincerà a giocare con i coetanei, che faranno il possibile per vincere a loro volta. Ma proprio grazie al confronto tra pari il bimbo apprenderà valori importanti per la sua crescita, come la sana competizione e la collaborazione, e inizierà a capire che si può essere amici anche giocando in squadre diverse o se l’altro vince.

Tuo figlio non sa perdere?Scopri cosa fare

Quali giochi scegliere?

“I giochi in scatola, inoltre, permettono ai bambini, anche prima dei tre anni, di sviluppare la memoria, affinare le loro capacità logiche, apprendere alcune semplici nozioni, come i primi numeri, o abilità manuali, come il gesto di tirare i dadi“, sottolinea l’esperta. Ma quali sono i primi giochi di società da proporre ai bimbi? Sul mercato esistono tante varianti dei ‘classici’, ancora oggi molto amati da grandi e piccoli. Il memory, per esempio, è utile per imparare a memorizzare e associare immagini uguali (inizialmente, può essere proposto anche con le carte scoperte, per aiutare il bambino a individuare le coppie). Strumenti preziosi per fare abbinamenti sono anche il domino e la tombola (per quest’ultima si può scegliere la variante degli animali, più semplice e che permette anche di apprendere parole nuove). Con il tradizionale gioco dell’oca mamma e papà possono, invece, insegnare a contare, chiedendo al bimbo di tirare il dado e di muovere la pedina. Tutti i giochi di società, comunque, hanno una valenza importante: sono un’ottima occasione per trascorrere un pomeriggio in allegria con mamma e papà, e questo è ciò che davvero conta per il bambino.

I suoi primi giochiQuali passatempi proporre nei primi mesi?

di Monica Gabrielli

Commenti