apri modal-popupadv apri modal-popupadv

13 dicembre 2017

I doni d’amore di mamma Federica

Il regalo particolare che Federica Ponzoni, 32 anni, educatrice di Brescia, riserva alla sua bambina, Mia, 4 anni, è quello del racconto di storie. Per loro, l'appuntamento con la lettura è un momento speciale, a cui sono entrambe affezionate

I doni d'amore di mamma Federica

Ho iniziato a leggere per la mia bambina quando era ancora nel pancione. Nell’ultimo periodo dell’attesa, quando mi sdraiavo sul divano per rilassarmi un po’, prendevo uno dei libri per bambini che avevo già comprato per lei e lo leggevo ad alta voce. Piccole storie, fiabe classiche come Pinocchio, Cenerentola, Biancaneve. Mia mostrava il suo gradimento con calcetti e capriole, oppure pian piano, cullata dalla mia voce, si addormentava. A volte, anziché leggerle delle storie, le cantavo delle ninnananne. Le stesse che poi le ho cantato nei primi mesi di vita. Ebbene, qualche giorno fa, dopo anni che Mia non le sentiva più, le è tornata in mente una di quelle ninnananne e ne ha recitato alcune parole per chiedermi come continuava!

Una consuetudine che ci arricchisce

La nostra abitudine di leggere insieme, iniziata nell’attesa, è continuata senza interruzioni e tuttora continua. Leggo per lei perché conosco i tanti benefici di questa consuetudine per lo sviluppo cognitivo, linguistico e relazionale del bambino, ma anche perché i momenti dedicati alla lettura sono momenti speciali per noi, momenti che sono solo nostri. Quando Mia aveva cinque o sei mesi le ho proposto i primi libretti, con disegni dai colori vivaci e testi semplici, di poche parole. A due anni Mia ha avuto la sua tessera della biblioteca e da allora ogni settimana andiamo insieme a scegliere nuovi libri. A casa, ha la sua piccola libreria con i testi a cui è più affezionata. Ad esempio, in questo periodo ama molto la serie della Mucca Moka, che ormai conosce a memoria.

Ogni sera prima di andare a dormire, sceglie il libro per la nostra lettura serale tra i titoli presi in prestito in biblioteca e i suoi personali. Nel weekend l’appuntamento con le storie raddoppia o triplica… Dato che sono a casa dal lavoro e abbiamo più tempo, leggiamo insieme non solo prima della nanna, ma anche in altri momenti della giornata.

Tra letture e… canti!

Ci piacciono ancora anche le canzoni. Io sono un’educatrice e quindi conosco molte canzoncine per bambini, a Mia piace molto quando gliene insegno qualcuna. E quando impara una canzone nuova alla scuola dell’infanzia, tocca a lei insegnare le parole e la melodia alla mamma! Il tempo trascorso insieme cantando e leggendo credo sia un dono per Mia, ma anche per me. Io sono una lettrice “forte”, amo molto leggere e spesso – se la storia mi cattura – inizio un nuovo romanzo e lo finisco in una sera, facendo le ore piccole per scoprire come va a finire. Spero che anche Mia, crescendo, conservi e coltivi il suo amore per il mondo delle storie e della lettura.

 

a cura di Giorgia Cozza

Commenti