apri modal-popupadv apri modal-popupadv

I cibi anti-raffreddore

Anche a tavola puoi tentare di contrastare i disturbi tipici dell'inverno: ecco su quali cibi puntare

I cibi anti-raffreddore

Starnuti, malessere, febbriciattola… Sono disturbi frequenti nei piccoli, soprattutto in questa stagione. Ecco alcuni alimenti che, apportando preziose vitamine e sali minerali, possono rendere più forte l’organismo e migliorare la sua resistenza alle malattie. Agiscono in due modi: aumentano le difese immunitarie ed esercitano proprietà antisettiche, cioè contrastano i microbi.

 

Fai il pieno di…

Vitamina C È il più importante fattore protettivo: aumenta gli anticorpi e i globuli bianchi (le nostre difese più efficaci), inattiva alcune tossine, ci protegge dai famigerati radicali liberi e aiuta l’organismo a riparare i tessuti danneggiati. La vitamina C è presente negli agrumi, ma anche nei kiwi, negli spinaci, nei broccoli e nella lattuga, senza dimenticare il prezzemolo che ne è così ricco da esserne una fonte importante anche se usato in quantità ridotte.

Vitamina A Esercita un’azione diretta nella difesa delle vie respiratorie, aiutando lo sviluppo e il nutrimento delle mucose polmonari. La vitamina A si trova soprattutto nella verdura giallo-arancione, come carote e zucca.

Vitamina E Con la C e la A completa il trio dei cosiddetti ”spazzini dell’organismo”, capaci di neutralizzare ed eliminare radicali liberi e tossine, che raggiungono i polmoni attraverso l’aria inquinata. Buone fonti di vitamina E sono le noci, le mandorle, l’olio extravergine e, soprattutto, il germe di grano, col quale si può arricchire lo yogurt della merenda.

Zinco Tra i sali minerali, merita un posto di rilievo: sembra che, combinandosi con alcune sostanze presenti nel virus del raffreddore (rinovirus), ne impedisca l’ingresso nelle cellule e ne fermi la riproduzione. Di zinco sono ricchi il formaggio grana, la carne di tacchino, il pesce azzurro, i legumi, le mandorle e le noci.

 

di Giorgio Donegani, nutrizionista

Commenti